Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Mourinho, come non è cambiato lo Special One© AS Roma via Getty Images

Mourinho, come non è cambiato lo Special One

Il portoghese è tornato ad allenare in Italia dopo 11 anni; i Friedkin hanno voluto fortemente il portoghese per rilanciare la ambizioni della Roma

 

Redazione

28 ottobre

  • Link copiato

È sempre stato un one man show Josè Mourinho. Chi non ricorda la sua prima conferenza stampa nel giorno della sua presentazione da allenatore dell’Inter? Oltre ad affrontare i media sfoggiando un quasi perfetto italiano delizió i presenti con risposte che forse nessun allenatore prima del portoghese aveva dato. La più nota fu quel “Io non sono un pirla” che se ancora oggi, a distanza di oltre un decennio la digitiamo su Google esce immediatamente. 
È sempre stato maledettamente geniale e maledettamente vincente. Ha alzato trofei con quasi tutte le squadre che ha allenato e oggi, a 58 anni, vuole ripetersi a Roma. Dal giorno della sua firma si è subito calato a 360° nel progetto Roma, senza fare promesse impossibili da man

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi