Helmut Haller e il lungo viaggio tra Bologna, Juventus e Germania Ovest

Helmut Haller e il lungo viaggio tra Bologna, Juventus e Germania Ovest

Dapprima trequartista raffinato nei rossoblù di Fulvio Bernardini, poi ala coi bianconeri, seppe brillare anche con la maglia della Nazionale, tanto da essere eletto centrocampista tedesco del ventesimo secolo

Paolo Valenti/Edipress

11 ottobre

  • Link copiato

La valigia sul letto è quella di un lungo viaggio… Forse Haller non lo sapeva, non lo immaginava. O probabilmente lo dava per scontato che un lungo viaggio ci sarebbe stato, dal momento che, prima di dedicarsi totalmente al calcio, aveva fatto il camionista ad Augusta, città della Baviera sud occidentale dove i tedeschi, solitamente, sono meno austeri di quelli di Francoforte e Amburgo. A differenza di lui, che di austero aveva davvero poco: sguardo sorridente, divertito dall’imponderabilità della vita, alla quale sapeva contribuire con le sue giocate intelligenti quanto imprevedibili, in campo e fuori.

Il viaggio per Bologna 

La valigia per andar via da Augusta la preparò nel 1962, destinazione Bologna. Per prenderlo si mosse

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 2,99 € 4,50

Abbonati ora

Commenti