Arthur Friedenreich, il campione brasiliano che viveva come un dandy

Arthur Friedenreich, il campione brasiliano che viveva come un dandy

Nato 130 anni fa a San Paolo e soprannominato El Tigre, secondo alcuni segnò più gol dello stesso Pelé

Alessio Abbruzzese/Edipress

17 luglio

  • Link copiato

“Ci sono alcuni paesi e villaggi del Brasile che non hanno una chiesa, ma non ne esiste neanche uno senza un campo di calcio”. Con queste parole lo scrittore sudamericano Eduardo Galeano fa ben capire cosa sia il calcio in Brasile. Anzi, fa ben capire cosa sia il calcio per i brasiliani. Il paese verdeoro è senza dubbio quello con la maggiore tradizione calcistica del mondo. Se è vero che il football è nato e cresciuto in Europa, è altrettanto vero che ha raggiunto la sua massima espressione nel paese sudamericano, la cui nazionale non ha caso vanta ben 5 titoli mondiali. Sebbene molti individuino in Pelè la figura primordiale del grande fenomeno brasiliano, la verità è un’altra: il primo grande calciatore verdeoro si chiamava Arthur Friedenre

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti