Franco Mancini, il portiere del Foggia di Zeman apprezzato anche a Bari

Franco Mancini, il portiere del Foggia di Zeman apprezzato anche a Bari

Scomparso il 30 marzo 2012, ha lasciato ovunque un grande ricordo, creando un legame indissolubile con i due club pugliesi

Massimiliano Lucchetti/Edipress

29 marzo

  • Link copiato

L’“Higuita italiano” è l’appellativo che ricorda a tutti noi il compianto Franco Mancini, il portiere più all’avanguardia della generazione “anni ‘90”. La carriera di Franco partì dal campo in terra battuta del rione “Bottiglione” a Matera. Franco amava giocare in attacco, ma suo fratello Vito intravidele qualità di portiere e quindi, a malincuore, infilò i guantoni. Quando arrivò nella società professionistica del Matera, alcuni avvertirono il preparatore dei portieri Vincenzo Antezza (ex portiere) che Franco era una testa calda, ma invece si dimostrò l’esatto opposto; proprio Vincenzo dichiarerà in seguito di non aver mai dovuto riprendere Mancini se non quando, unica volta, si accese una sigaretta sul pulmino al ritorno da una trasferta.

Gli inizi a Matera e l'arrivo

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti