Ronaldo e quel ritorno al gol atteso 749 giorni

Ronaldo e quel ritorno al gol atteso 749 giorni

Il 9 dicembre 2001 sul campo del Brescia il Fenomeno tornò a segnare dopo più di due anni mettendo fine a uno straziante calvario

Jacopo Pascone/Edipress

9 dicembre

  • Link copiato

È il 12 aprile del 2000, allo Stadio Olimpico di Roma si gioca la finale d’andata di Coppa Italia tra Lazio e Inter. Ronaldo Luis Nazario de Lima è fuori dai campi di gioco da quasi cinque mesi per una brutta lesione al tendine rotuleo rimediata contro il Lecce. Al 14’ della ripresa Marcello Lippi decide finalmente di buttarlo nella mischia per sbloccare i suoi sotto 2-1. Il Fenomeno entra tra gli applausi d’incoraggiamento di uno stadio che non è il suo, ma che sa comunque riconoscere un campione di tutti, un patrimonio calcistico mondiale che va supportato dopo l’ennesimo calvario. Ronaldo, l’Olimpico e i milioni di spettatori che seguono l’importante gara dalle televisioni di tutto il mondo non sanno ancora che quello è solo l’inizio

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti