Stadio Renzo Barbera: dal “Ranchibile” al “Presidentissimo”

Stadio Renzo Barbera: dal “Ranchibile” al “Presidentissimo”

In 90 anni di storia tante ristrutturazioni per l’impianto sportivo più grande di Palermo. Dopo aver ospitato i Mondiali del ’90, nel 2002 fu intitolato all’ex patron

Jacopo Pascone/Edipress

22 marzo

  • Link copiato

Progettato da un’idea di Giovan Battista Santangelo, l’attuale Stadio Renzo Barbera venne inaugurato 90 anni fa, il 24 gennaio 1932 con l’incontro tra Palermo e Atalanta, valido per il campionato di Serie B 1931-32 (5-1 per i rosanero). Il primo nome dell’impianto che verrà intitolato al presidentissimo Renzo Barbera quattro mesi dopo la sua morte – avvenuta il 20 maggio 2002 – era “Littorio” 

Dal “Ranchibile” alla Nazionale

 Lo stadio nacque sul terreno del vecchio campo sportivo “Ranchibile”, ritenuto ormai inadatto. Il Littorio poteva ospitare fino a 20mila spettatori, usufruendo ancora delle sole tribune, senza le curve, mentre il campo era contornato da una pista d’atletica. Per un periodo lo Stadio fu intitolato a Michele Marrone, centrocam

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti