Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

La rivincita di Vandoorne© Getty Images

La rivincita di Vandoorne

La conquista del titolo mondiale in Formula E da parte del pilota belga rappresenta una rivincita nei confronti di quella F1 che lo ha scaricato dopo sole due stagioni

La certezza di avere ancora dentro di se quel talento che nel 2015 gli aveva consentito di vincere il titolo in Gp2. La conquista del titolo mondiale in Formula E al termine del doppio atto conclusivo di Seoul ha riportato sotto la luce dei riflettori il 30enne pilota belga Stoffel Vandoorne, determinante peraltro nell’assicurare alla Mercedes (al suo atto di addio nella serie elettrica) il suo secondo titolo costruttori consecutivo. Una vittoria, quella di Vandoorne, che rappresenta anche una sorta di rivincita nei confronti della Formula 1 (e indirettamente anche nei confronti del suo ex team, la McLaren), pronta ad accoglierlo a braccia aperte nel 2017 dopo che nel 2016 aveva

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi