Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

La guerra per Baggio©  Bartoletti

La guerra per Baggio

Trent'anni fa il raduno della Nazionale iniziò in un clima assurdo, con alcuni tifosi della Fiorentina che insultarono e tentarono di aggredire un po' tutti. Mai un paese ospitante si era avvicinato così ad un Mondiale...

Stefano Olivari

5 maggio 2020

  • Link copiato

Il giorno più triste nella storia della Nazionale italiana non coincide con inaspettate sconfitte sul campo, che pure non sono mancate, ma con la squadra aggredita proprio a casa sua, a Coverciano, da suoi teorici tifosi. Accadde domenica 6 maggio 1990, 30 anni fa, al raduno degli azzurri di Vicini in vista del Mondiale che sarebbe iniziato un mese dopo. Migliaia di tifosi della Fiorentina non accettavano l’ormai imminente passaggio di Baggio alla Juventus e quel pomeriggio senza un vero perché scaricarono la loro rabbia sulla Nazionale.

Che per sua sfortuna si era ritrovata pochi giorni dopo la finale di andata di Coppa UEFA fra Juventus e Fiorentina, vittoria bianconera 3-1 fra polemiche e dichiarazioni di fuoco. Ma a scatenare la rabbia di un

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi