Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Il ritorno dell'Ajax© Getty Images

Il ritorno dell'Ajax

Superando la Dinamo Kiev la squadra di Amsterdam è tornata dopo quattro in Champions League. Ma la sua storia, anche recente, sarebbe stata molto diversa se il fair play finanziario UEFA avesse come obbiettivo il premiare i valori sportivi...

Redazione

29 agosto 2018

  • Link copiato

Dopo quattro anni di assenza torna in Champions League una delle squadre più prestiogiose del mondo, un Ajax che superando Sturm Graz, Standard Liegi e infine Dinamo Kiev si è guadagnato un posto nel torneo calcistico più ricco che esista: dal punto di vista di chi vi partecipa anche più del Mondiale. È significativo che la squadra di Amsterdam sia tornata fra le 32 elette dopo 3 stagioni (mancava dall'edizione 2014-15, quando arrivò terzo nel gruppo di Barcellona e PSG) e proprio alla fine di un’estate in cui per la prima volta dopo tanti anni il bilancio del calciomercato è stato in rosso, nonostante la dolorosa cessione di Justin Kluivert alla Roma. È infatti tornato Danny Blind dal Manchester United, in pratica per la stessa cifra incassata a suo tempo, è stato preso Dusan Tadic dal

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi