Calcio

Euro 2016, la Germania è la grande favorita

Ecco i campioni del mondo in carica. La Germania rappresenta una delle massime certezze in termini di affidabilità, quando si parla di grandi manifestazioni. Per quanto riguarda il torneo continentale vanta 3 titoli (1972, 1980 e 1996), 3 finali perse (1976, 1992 e 2008) e 2 semifinali (1988 e 2012), non avendo superato il primo turno solo in 3 occasioni. Il grande punto di forza della Nationalmannschaft, oltre all'affidabile “manico” rappresentato da Löw, riguarda la qualità complessiva della rosa: è altamente probabile che all'atto di scegliere i 23, il C.T. sia addirittura costretto a lasciare fuori elementi eccellenti. Perché considerarla quale principale candidata alla vittoria finale? Almeno per 3 ottimi motivi: abitudine consolidata a giocare ad alto livello, incredibile efficacia sotto porta di un vasto numero di interpreti, presenza di fuoriclasse come Neuer, Kroos, Özil, Götze e Müller. La stella: Thomas Müller Semplicemente, un giocatore in grado di fare la fortuna di qualsiasi allenatore e compagno di squadra. Ormai simbolo del Bayern Monaco, Müller ha avuto un rendimento pazzesco già dagli esordi in Baviera e con la Nazionale. Ad appena 26 anni può già sfoderare un palmares a livello di club a cui manca solo l'Europa League, oltre a numerosi riconoscimenti individuali e quasi 200 reti ufficiali tra Bayern e Nazionale. È in grado di ricoprire tutti i ruoli da centrocampo in avanti, brilla per intelligenza tattica, dinamismo, resistenza e fiuto del gol. Ha segnato 5 gol in ciascuno dei Mondiali finora disputati, laureandosi capocannoniere di Sudafrica 2010. 9 reti in altrettante partite di qualificazione descrivono da sole la sua importanza decisiva nelle fortune della Germania. Il Commissario Tecnico: Joachim Löw (3.2.1960) Centrocampista professionista in gioventù, dalle buone capacità offensive, ha militato in Bundesliga e nella cadetteria tedesca con varie maglie: Friburgo (in 3 periodi distinti), Stoccarda, Eintracht Francoforte e Karlsruhe. 4 presenze nell'Under 21. Con 81 reti è tuttora il miglior realizzatore nella storia del Friburgo. Ha concluso la carriera in Svizzera, iniziando contestualmente il percorso da allenatore. Si è tolto le maggiori soddisfazioni a Stoccarda (vincendo una Coppa di Germania e spingendosi con il club fino alla finale di Coppa delle Coppe 1998, persa con il Chelsea) e con l'Austria Vienna (un titolo austriaco). Entrato nei quadri tecnici federali, è stato il braccio destro di Klinsmann al Mondiale casalingo del 2006, rilevando poi l'ex attaccante dell'Inter come selezionatore. Ormai C.T. da 10 anni, ha guidato la Germania a 2 Europei e 2 Mondiali, senza scendere al di sotto del terzo posto e raggiungendo la gloria iridata a Brasile 2014. I nomi della rosa: PORTIERI: Manuel NEUER (27.3.1986, Bayern Monaco), Marc-André TER STEGEN (30.4.1992, Barcellona – SPA), Kevin TRAPP (8.7.1990, Paris Saint-Germain – FRA), Ron-Robert ZIELER (12.2.1989, Hannover), Bernd LENO (4.3.1992, Bayer Leverkusen), Roman WEIDENFELLER (6.8.1980, Borussia Dortmund) DIFENSORI: Shkodran MUSTAFI (17.3.1992, Valencia – SPA), Jonas HECTOR (27.5.1990, Colonia), Sebastian RUDY (28.2.1990, Hoffenheim), Mats HUMMELS (16.12.1988, Borussia Dortmund), Emre CAN (12.1.1994, Liverpool – ING), Matthias GINTER (19.1.1994, Borussia Dortmund), Antonio RÜDIGER (3.3.1993, Roma – ITA), Jonathan TAH (11.2.1996, Bayer Leverkusen), Jérôme BOATENG (3.9.1988, Bayern Monaco), Erik DURM (12.5.1992, Borussia Dortmund) CENTROCAMPISTI: Sami KHEDIRA (4.4.1987, Juventus – ITA), Mesut ÖZIL (15.10.1988, Arsenal – ING), André SCHÜRRLE (6.11.1990, Wolfsburg), Lukas PODOLSKI (4.6.1985, Galatasaray – TUR), Marco REUS (31.5.1989, Borussia Dortmund), Thomas MÜLLER (13.9.1989, Bayern Monaco), Toni KROOS (4.1.1990, Real Madrid – SPA), Christoph KRAMER (19.2.1991, Bayer Leverkusen), Julian DRAXLER (20.9.1993, Wolfsburg), Karim BELLARABI (8.4.1990, Bayer Leverkusen), Bastian SCHWEINSTEIGER (1.8.1984, Manchester United – ING), İlkay GÜNDOĞAN (24.10.1990, Borussia Dortmund), Patrick HERRMANN (12.2.1991, Borussia Mönchengladbach) ATTACCANTI: Mario GÖTZE (3.6.1992, Bayern Monaco), Mario GÓMEZ (10.7.1985, Beşiktaş – TUR), Kevin VOLLAND (30.7.1992, Hoffenheim), Max KRUSE (19.3.1988, Wolfsburg), Leroy SANÉ (11.1.1996, Schalke 04) Così nelle qualificazioni: Gruppo D (GERMANIA 22, Polonia 21, Irlanda 18, Scozia 15, Georgia 9, Gibilterra 0) 7/9/2014, Dortmund, Germania-Scozia 2-1 (Müller 2) 11/10/2014, Varsavia, Polonia-Germania 2-0 14/10/2014, Gelsenkirchen, Germania-Irlanda 1-1 (Kroos) 14/11/2014, Norimberga, Germania-Gibilterra 4-0 (Müller 2, Götze, Santos aut.) 29/3/2015, Tbilisi, Georgia-Germania 0-2 (Reus, Müller) 13/6/2015, Faro/Loulé, Gibilterra-Germania 0-7 (Schürrle 3, Kruse 2, Gündoğan, Bellarabi) 4/9/2015, Francoforte, Germania-Polonia 3-1 (Müller, Götze 2) 7/9/2015, Glasgow, Scozia-Germania 2-3 (Müller 2, Gündoğan) 8/10/2015, Dublino, Irlanda-Germania 1-0 11/10/2015, Lipsia, Germania-Georgia 2-1 (Müller rig., Kruse) Probabile formazione (4-2-3-1): Neuer – Rudy, Boateng (Mustafi), Hummels, Hector – Kroos, Khedira – Reus (Bellarabi), Özil, Götze (Draxler) – Müller (Schürrle). Fase finale - Gruppo C 12/6, Lilla, Germania-Ucraina 16/6, Saint-Denis, Germania-Polonia 21/6/, Marsiglia, Irlanda del Nord-Germania Pronostico: vincitrice ________________________________ Fabio Ornano