Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Redazione

21 ottobre 2013

  • Link copiato

I francesi sanno fare un buon vino e le migliori rivoluzioni. Non c’è nulla da fare. Le hanno prodotte in proprio, sul loro territorio, e le hanno spesso sostenute ed esportate in altri Paesi, tra cui l’America. Se la civiltà occidentale è diventata più colta, laica e liberale lo dobbiamo alla loro rivolta del 1789. Anche quella di Rudi Garcia alla Roma in qualche modo è un'insurrezione. La prima, autentica da quando gli americani sono sbarcati nella Capitale. Non era una rivoluzione quella appena abbozzata da Luis Enrique, ed era piuttosto una restaurazione quella varata da Zdenek Zeman, nella peggiore versione degli ultimi anni. La fiammata innovativa di Garcia è stata la normalità. L’intelligenza di saper fare le cose migliori senza dispendio di energia. Ad esempio rimettere De Rossi n

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi