Emlyn Hughes, la leggenda del Liverpool alla corte di Shankly e Paisley

Emlyn Hughes, la leggenda del Liverpool alla corte di Shankly e Paisley

Giovanissimo esordiente con il Blackpool, ha passato dodici anni ad Anfield Road, dove è diventato capitano ed è entrato nella storia del club

Alessio Abbruzzese/Edipress

28 agosto

  • Link copiato

Dalle parti di Liverpool gira da sempre un aneddoto semi leggendario, secondo il quale nel febbraio del 1967 Bill Shankly venne fermato in macchina per un controllo di polizia, proprio mentre portava per la prima volta in città il giovanissimo Emlyn Hughes, e abbia risposto con il piglio e l’accento scozzese che lo hanno sempre contraddistinto agli agenti che gli chiedevano chi ci fosse in auto: “Non lo vedete? Questo è il futuro capitano della nazionale inglese!”. Non sappiamo quanto ci sia di vero e quanto di romanzato dietro la storia, quello che sappiamo con certezza però è che quel ragazzo capitano della nazionale lo diventerà davvero. Diventerà anche capitano dei Reds, arrivato in sordina in un momento in cui il club vive un periodo di transizione prima dei futuri

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti