Luis Figo: l’artista del dribbling che incantò e tradì Barcellona

Luis Figo: l’artista del dribbling che incantò e tradì Barcellona

Il calciatore lusitano, uno dei più grandi di sempre – nato il 4 novembre 1972 – nel 2000 fu protagonista di un clamoroso cambio maglia, passando ai rivali del Real Madrid

Alessio Abbruzzese/Edipress

4 novembre

  • Link copiato

Si può separare l’artista dalla sua opera? Si può giudicare solamente la sua arte rimanendo il più possibile distaccati dalla sua storia? A questa domanda molti, seppure dopo ampio dibattimento, non riescono a dare risposta. Dovremmo forse rivalutare negativamente la produzione letteraria di Pasolini, alla luce delle turbolente vicende della sua vita privata? Oppure un film di Polanski, una tela di Caravaggio? Se c’è qualcosa di certo è che il tempo, giudice massimo delle vicende umane, ci dice che alla fine uomo e arte si scindono, lasciando posto quasi solamente a quest’ultima, a patto ovviamente che si tratti di arte vera, con la A maiuscola. Siete a conoscenza, per esempio, del fatto che Michelangelo Merisi fosse

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti