Giovanni Silva de Oliveira, “l’underdog” brasiliano di Barça e Olympiakos

Giovanni Silva de Oliveira, “l’underdog” brasiliano di Barça e Olympiakos

Arrivato 24enne in Catalogna, nonostante le sue grandi doti, non diventerà mai celebre come i suoi connazionali degli anni ‘90

Alessio Abbruzzese/Edipress

4 febbraio

  • Link copiato

Come diceva Pelé, “Il Brasile mangia, dorme e beve calcio. Vive di calcio”. Con il loro modo scanzonato e quasi “bailado” di giocare, centinaia di calciatori brasiliani spesso fuggono dalla terra natia e illuminano i campionati di tutto il mondo. Negli ultimi 30 anni, il giocatore verdeoro che arriva in Europa è diventato praticamente un cliché, con annessa narrazione della favola moderna del ragazzino povero o quasi indigente che grazie al football diventa ricco, famoso, un idolo per i bambini e via dicendo. C’è un calciatore brasiliano che però rischia di rimanere nell’ombra, oscurato dalla fama dei vari Ronaldo, Rivaldo, Bebeto, Ronaldinho ecc... Un calciatore che non ha molto da invidiare a questi campioni assoluti, ma che per un motivo o per un altro non è diventato una ver

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti