Giuseppe Favalli e la Lazio, un amore lungo ben 12 stagioni

Giuseppe Favalli e la Lazio, un amore lungo ben 12 stagioni

A lungo recordman di presenze nella storia del club, ha vissuto tutta l’era Cragnotti da grande protagonista vincendo otto trofei

Redazione Edipress

8 gennaio

  • Link copiato

Giuseppe Favalli ha scritto pagine memorabili di storia biancoceleste. Tutto nacque nell’estate 1992 quando, il ragazzo di Orzinuovi, a soli vent’anni e assieme ai suoi compagni della Cremonese Mauro Bonomi e Dario Marcolin, venne catapultato nella prestigiosa realtà della Lazio di Cragnotti, grazie a una poderosa operazione di mercato condotta dall’allora Ds Carlo Regalia. Quel trasferimento (il calciatore venne valutato 5 miliardi di lire), cambiò la carriera di Favalli. Capitano della squadra per tanti anni dopo l’addio di Alessandro Nesta, Favalli è il secondo giocatore con più presenze nella storia biancoceleste (superato solo di recente in testa alla graduatoria da Stefan Radu), 401 gettoni in dodici anni di grandi successi. E così, mentre i suoi “gemelli” Bonomi e Marcoli

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti