Sandro Mazzinghi: il pugile che non ha mai mollato, sul ring come nella vita

Sandro Mazzinghi: il pugile che non ha mai mollato, sul ring come nella vita

Una carriera nata per caso, al fianco del fratello Guido; una storia di sudore e sacrificio che hanno portato il boxeur di Pontedera tra gli sportivi più amati dagli italiani

Redazione Edipress

7 giugno

  • Link copiato

Un giorno aveva accompagnato il fratello Guido, più grande di lui e pugile più che decente (campione italiano, olimpionico a Helsinki), ad assistere a una riunione di dilettanti. Non si era presentato un novizio, bisognava trovare un sostituto e chiesero a Guido Mazzinghi se, per caso, suo fratello fosse disposto a prestarsi, tendendo la guardia alta per non farsi troppo male.

Cosa me ne viene in tasca? – aveva chiesto Sandro.

Vino, bistecca, pane, contorno, frutta…

Si può fare – aveva risposto Sandro Mazzinghi da Pontedera.

Quelli che su un ring si chiamano pugni, nella vita sono cazzotti, che nemmeno li vedi partire. E in fondo la vita stessa è tutta un giro di boa e quan

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti