NBA All-Star Weekend: Larry Bird e quel record nella gara dei tiri da tre

NBA All-Star Weekend: Larry Bird e quel record nella gara dei tiri da tre

Nelle prime edizioni della storia trionfò il leader dei Boston Celtics. Grazie ai tre successi consecutivi primeggia ancora oggi nell'albo d'oro ex aequo con Craig Hodges

Valerio Ciaccio/Edipress

20 febbraio

  • Link copiato

Al principio di una delle gare più divertenti e competitive dello sport in generale c'è sicuramente il più forte cestista bianco che la storia della palla a spicchi abbia mai conosciuto: Larry Joe Bird dall'Indiana, il numero 33 dei dominanti Boston Celtics. In quegli anni David Stern, commissioner Nba dal 1984, iniziò a portare una ventata d'aria fresca alla Lega cercando in qualsiasi maniera possibile l'evoluzione e l'innovazione. Nel 1986, quindi, venne implementata nell'All Star Weekend, già dotato di un organigramma spettacolare, una nuova challenge per decidere il miglior tiratore da 3 punti dell'associazione del basket statunitense. La competizione di quell'anno è in programma alla Reunion Arena di Dallas.
Essendo nativo della città texana, il playmaker degli Atlanta Hawks Spud Webb fa gli onori di casa conquistando con facilità la gara delle schiacciate. La prima gara da 3 punti della storia Nba è invece un tripudio per Larry Bird, che addomestica gli avversari surclassando in finale il secondo classificato, Craig Hodges dei Milwaukee Bucks, con un netto 22 a 12 in suo favore. In futuro i suoi antagonisti dichiareranno che prima di iniziare entrò negli spogliatoi domandandosi chi sarebbe arrivato secondo essendo già certo della vittoria. Il numero 33 rende così meno amara la delusione per non aver conquistato il titolo di MVP della partita della domenica, vinto dal suo nemico/amico Isiah Thomas dopo un testa a testa serrato.

Nel 1987 la doppietta di Larry Bird

Il weekend All Star dell'anno successivo si svolge al Kingdome di Seattle, e stavolta Larry deve vedersela soprattutto contro il padrone di casa Dale Ellis, abilissimo nel tiro da fuori il perimetro. In finalissima con Bird ci arriverà però il tedesco Detlef Schrempf dei Dallas Mavericks. A spuntarla sarà il giocatore dei Celtics per 16 a 14, dimostrando nelle prime due storiche edizioni che il suo è uno strapotere assoluto.

La tripletta da record con la gara del 1988

Il contest del tiro da 3 punti più emozionante è quello nella gara disputata allo United Center di Chicago nel 1988. Il numero 33 può chiudere la sua personale tripletta, sulla strada verso il trionfo trova però il suo acerrimo nemico Dale Ellis che in tutti i modi cerca di precludergli la via della gloria. Bird prima di iniziare dichiara: “Io voglio tirare per secondo perché quando vincerò sarà più bello che la gara finisca lì. Dopo il mio ultimo tiro”. La casualità metterà di fronte in finale proprio Dale e Larry nell'ordine. Il cestista dei Seattle Supersonics parte benissimo. Con i primi due carrelli raggiunge il punteggio di 7 su 10. Perderà un po' di precisione negli ultimi due ma terminerà comunque la sua performance con 15 punti, un risultato battibile per il fenomeno dell'Indiana. Quando Bird entra sul pitturato, il clima allo United Center è totalmente infuocato. Larry inizia male con i primi tre carrelli raccoglie un misero 5 su 15. Il quarto carrello è però perfetto: 5 su 5. Arriva al quinto e necessita di 3 canestri per vincere, una percentuale al tiro che potrebbe essere con naturalezza nelle sue corde. Diventa quasi impossibile quando sbaglia i primi due canestri. Segna terzo e quarto con facilità, già pensando all'ultimo. Se Larry Bird segnasse potrà portare a termine il three-peat nei primi 3 anni della competizione. Appena partito il suo tiro, alza verso il cielo l'indice e corre verso il centro del campo. Lo si sentirà gridare molto forte e chiaramente nel silenzio d'attesa di tutto il palazzetto: “I’m the great one”. Poco importa se la palla ancora non ha accarezzato dolcemente la retina, cosa che farà pochi istanti dopo per il tripudio generale. Sembra Boston, invece è Chicago. Nonostante la grande rivalità di quel tempo fra le due franchigie, il pubblico esplode. Ancora oggi il record del 33 rimane imbattuto anche se è stato pareggiato tra il 1990 ed il 1992 da Craig Hodges dei Bulls. Mentre, anche se non parteciperà al prossimo, dei cestisti in attività solo Steph Curry sembra candidato a raggiungerli o superarli in quanto a vittorie portate a casa annoverandone già due nei contest nelle annate 2015 e 2021.

Condividi

  • Link copiato

Commenti