Ramon Diaz: "puntero triste" a Napoli, idolo all'Avellino e all'Inter

Ramon Diaz: "puntero triste" a Napoli, idolo all'Avellino e all'Inter

Portato in Italia da Ferlaino nel 1982, durante la sua esperienza in Serie A giocò anche con la Fiorentina. Con Aldo Serena formò il tandem d'attacco dello scudetto dei record nerazzurro

Jacopo Pascone/Edipress

12 febbraio

  • Link copiato

Ramon Diaz si è fatto conoscere da tutto il mondo giocando al fianco di un giovanissimo Maradona, in coppia con il quale ha trascinato la selezione argentina alla conquista del Mondiale Under 20 nel 1979. Scuola River, vivrà in Europa gli anni più importanti della sua carriera, abbracciando quasi interamente i mitici anni ’80 della Serie A. In Italia iniziò con il Napoli e chiuse con l’Inter, due esperienze lontane, non solo nel tempo, ma soprattutto dal punto di vista delle prestazioni.

Caratteristiche tecniche

Diaz nasce come centravanti puro, un numero 9 che ha dovuto sopperire al fisico non erculeo con la grande tecnica e, soprattutto, con la devastante velocità. Mancino naturale, spesso prendeva palla e partiva da lontano puntando la porta a testa bassa, dim

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti