Lazio, quando Enrique Flamini punì la Juventus

Lazio, quando Enrique Flamini punì la Juventus

Nel giorno dell’anniversario della morte di uno dei simboli biancocelesti, ricordiamo la leggendaria sfida del gennaio 1950 contro i bianconeri decisa da una doppietta del “Flaco”

Redazione Edipress

11 gennaio

  • Link copiato

Lo chiamavano “El Flaco” per la sua magrezza, eppure in campo sapeva come farsi rispettare con il pallone tra i piedi. Enrique Domingo Flamini, nato a Rosario il 17 aprile 1917 e morto a Roma l’11 gennaio 1982, è stato uno dei giocatori simbolo della Lazio degli anni ’40 e ’50. L’oriundo che scopre il biancoceleste, se ne innamora e vi si lega in maniera indissolubile, anche nel corso della sua carriera da allenatore. Ben 271 presenze e 44 gol in campionato con la maglia della Lazio, con alcuni acuti storici, per poi diventare un totem del settore giovanile laziale nelle vesti di mister. Il 22 gennaio 1950, a Torino, andò in scena una delle sue recite indimenticabili: Juventus-Lazio 1-2.

La partita e la doppietta di Flamini

Da una parte i bianconeri di Parola e B

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti