Tassotti, una vita da terzino tra Lazio e il grande Milan

Tassotti, una vita da terzino tra Lazio e il grande Milan

Vittorie in campo e da allenatore in seconda con i rossoneri ma Mauro coltiva dolci ricordi dei suoi anni romani

Paolo Colantoni/Edipress

12 settembre

  • Link copiato

Le giovanili in maglia biancoceleste, l’esordio in Serie A, 41 presenze in due campionati e poi diciassette stagioni al Milan, dove è riuscito a vincere tutto. I rossoneri e i biancocelesti rappresentano gli unici due club in cui Mauro Tassotti ha militato. Le squadre che gli hanno dato l’occasione di affacciarsi e affermarsi nel mondo del calcio. Due percorsi imparagonabili: per anni, prestigio e successi. Due avventure differenti, ma che hanno lasciato nel cuore del difensore, nato e cresciuto a San Basilio, emozioni indimenticabili. «Con il Milan sono cresciuto, mi sono affermato e ho vinto tanto, ma sarò sempre grato al club biancoceleste perché mi ha formato, mi ha dato l’occasione di lanciarmi nel calcio professionistico. Chiaramente

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti