Calciomercato: quando il Milan beffò tutti e comprò Sheva

Calciomercato: quando il Milan beffò tutti e comprò Sheva

Con 41 miliardi di lire i rossoneri strapparono a una nutrita concorrenza l’attaccante della Dinamo Kiev dopo una trattativa condotta in segreto

Alessandro Ruta/Edipress

17 agosto 2021

  • Link copiato

Fax da Barcellona, 5 novembre 1997: Italo Galbiati, osservatore del Milan, ha appena visto Barcellona-Dinamo Kiev di Champions League, partita finita 4-0 per gli ucraini al Camp Nou. Scrive, riferendosi a uno dei due attaccanti della squadra ucraina, autore di una tripletta quella sera: “Giocatore fortissimo fisicamente, veloce, rapido nel dribbling, calcia bene con entrambi i piedi“. Galbiati conclude: “Superfluo aggiungere altro: è da Milan”. Quel calciatore si chiama Andriy Shevchenko e di lì a un anno e mezzo farà le valigie da Kiev in direzione Milano, pagato “soli” 41 miliardi. Nemmeno tanto, visto che nella stessa sessione di mercato Christian Vieri ne verrà valutato 92. Diventerà uno dei più grandi nella storia recente r

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti