Il cuoio

Calciomercato: il trasferimento a Napoli di Savoldi, “Mister 2 miliardi”

Nell'estate 1975 Corrado Ferlaino e gli azzurri si resero protagonisti di uno dei colpi di mercato più eclatanti della storia del calcio nostrano

L’estate del 1975 ha rappresentato, nella storia del calciomercato, una data spartiacque. Si è da poco concluso il braccio di ferro tra Inter e Juventus che porterà al trasferimento in bianconero di Tardelli per la cifra di 1 miliardo di lire. La cifra, davvero eclatante per l’epoca, finirà in secondo piano di fronte a un nuovo colpo di mercato che, nel tempo, diverrà iconico.

Le giovanili, l’esordio con l’Atalanta e il passaggio a Bologna

Il calciatore al centro della storica trattativa è Beppe Savoldi, l’attaccante più desiderato degli anni ’70. Nato a Gorlago, a pochi passi da Bergamo, inizia a dare calci a un pallone proprio con la maglia della Dea. Per i Savoldi lo sport è davvero di casa: mamma Gloria è stata una più che buona pallavolista e anche suo fratello gioca a calcio con discreto successo. Beppe insieme a quella per il calcio coltiva anche la passione per il basket, che pratica nell’A.L.P.E. Bergamo con ottimi risultati, motivo per cui rimarrà per tutta la carriera un eccellente colpitore di testa. Quando inizia a fare sul serio col calcio però, è costretto ad abbandonare parquet e pallone a spicchi per dedicarsi esclusivamente all’Atalanta. C’è una cosa che è subito chiara a tutti: Beppe Savoldi è una macchina da gol. Dai 18 ai 21 anni con la maglia nerazzurra racimola 17 reti, poi il passaggio a Bologna dove si consacra come uno dei migliori centravanti del campionato.

Il trasferimento di “Mister due miliardi” al Napoli di Ferlaino

Nel 1975 Beppe è deciso più che mai a fare il definitivo salto di qualità, sono ormai diverse estati che viene accostato ad un grande club e sente che il momento di ringraziare Bologna e fare le valigie sia ormai giunto. A Napoli, Corrado Ferlaino lo vuole a tutti i costi. Il trasferimento verrà a costare al patron partenopeo ben un miliardo e 440 milioni, Clerici e la comproprietà di Rampanti, per un totale che sfora i due miliardi. La cifra folle rappresenta un record, e in Italia diventa un vero e proprio caso di costume, con tanto di interrogazione parlamentare. Savoldi ripagherà la fiducia di Ferlaino nel corso dei 4 anni passati a Napoli, segnando 77 gol e contribuendo a vincere una Coppa Italia e una Coppa Italo-Inglese.