Italia-Galles, la tripletta di Pippo Inzaghi contro i Dragoni

Italia-Galles, la tripletta di Pippo Inzaghi contro i Dragoni

Il 6 settembre 2003 gli Azzurri travolsero i gallesi con un perentorio 4-0 durante le qualificazioni a Euro 2004. Protagonista assoluto il bomber del Milan

Daniele Drago/Edipress

20 giugno

  • Link copiato

Per Trapattoni conta solo vincere, non importa se esprimendo un bel calcio, mai prerogativa tattica del tecnico di Cusano Milanino. Il 6 settembre 2003 l’Italia deve battere il Galles per andare in testa al girone di qualificazione che porta a Euro 2004. Il popolo azzurro si riunisce a Milano, e San Siro accoglie la nostra Nazionale con il calore dei 69.000 tifosi presenti. 

Dopo sette mesi

Per battere i Dragoni di Ryan Giggs, Trapattoni fa affidamento alla coppia d’attacco formata da Christian Vieri e Filippo Inzaghi. Mentre il centravanti dell’Inter è titolare fisso della Nazionale, il bomber del Milan vive un periodo di appannamento con i colori azzurri. Ha giocato l’ultima partita a febbraio 2003, 18 minuti nel match contro il Portogallo. Poi, sette mesi di non convocazioni, fino alla grande chance di San Siro. 

Primo tempo

Nei primi 45 minuti l’Italia gioca una partita non sufficiente. Giggs spaventa due volte Buffon: la prima dopo soli 7 minuti, sfruttando un errore di Panucci in difesa; la seconda quando serve Hartson al limite dell’area, ma l’attaccante per fortuna spara alto. Per gli Azzurri, Vieri è il più vivace, ma è Del Piero a centrare clamorosamente la traversa con una stupenda conclusione dalla distanza. 

Pippo si scatena

Nella ripresa, cambiamo passo e le occasioni fioccano, con Cristiano Zanetti che centra il palo. Il gol è nell’aria. E Inzaghi è pronto a scatenarsi e a lasciarsi alle spalle sette mesi difficili in Nazionale. Segna in tre modi diversi, da centravanti implacabile. Il primo gol al 59’, un tap-in a porta vuota dopo un tiro di Vieri. La gioia è enorme: l’ultima rete in Nazionale Super Pippo l’aveva segnata il 28 marzo 2001, una doppietta alla Lituania. Sei minuti dopo arriva il raddoppio: cross di Oddo e destro al volo sotto la traversa. Al 70’ la tripleta è servita con un altro repertorio della casa: assist di Camoranesi, Inzaghi controlla, protegge il pallone e con un diagonale chirurgico batte il portiere gallese Jones. Tutto in 11 minuti. Il pubblico del Meazza impazzisce di gioia assieme al suo idolo. Tre minuti dopo, Trapattoni gli concede la standing ovation, sostituendolo con Gattuso. Al 76’, poi, uno scatenato Zambrotta entra in area e viene steso. Calcio di rigore: sul dischetto si presenta Del Piero, che trasforma il penalty premiando la sua ottima prestazione. Poi, rimane solo il tempo per la festa, per celebrare Inzaghi e per un’Italia che inizia a vedere il volo per il Portogallo, dove di lì a un anno si disputeranno gli Europei. 

Condividi

  • Link copiato

Commenti