Il cuoio

2 giugno 1891: nasce il calcio di rigore

130 anni fa, grazie alla geniale intuizione del portiere irlandese William McCrum, l’IFAB istituì la regola del penalty

È il 1890. A Milford, cittadina sperduta nell’estremo nord dell’Irlanda William McCrum gioca come portiere nella squadra locale, il Milford Everton FC. William, figlio del milionario costruttore locale Robert Garmany McCrum, è una vera e propria istituzione per lo sport della Contea di Donegal: tornato da poco da Dublino, dove ha frequentato il Trinity College con ottimi risultati, rappresenta molti circoli sportivi della zona, oltre a giocare a cricket, rugby, calcio e scacchi. 

Il primo campionato del Milford Everton FC 

Tra tutte le sue attività, William preferisce di gran lunga il calcio. È un gioco rapido, semplice e coinvolgente sia per chi lo gioca che per chi osserva. Dopo diversi anni passati a organizzare incontri tra club e circoli, il suo Mildford si iscrive al primo campionato nordirlandese di calcio che inizia verso la fine del 1890. McCrum e compagni purtroppo non si distinguono per la particolare bravura, anzi. In tutto il campionato non riescono a ottenere nemmeno un punto, segnano 10 gol e ne subiscono ben 62. 

La trovata di McCrum

Durante il campionato il portiere irlandese nota che la foga dei suoi difensori nel fermare gli avversari nei pressi della porta è davvero troppa: consci infatti di poter spendere fallo e costringere gli avversari a tirare contro una barriera foltissima, gli scapestrati difensori del Milford non disdegnano placcaggi, entratacce e anche falli di mano eclatanti. McCrum capisce che c’è bisogno di una sanzione più severa per le scorrettezze compiute dentro l’area, partorendo un’idea geniale e andando contro i suoi interessi di estremo difensore: attaccante contro portiere, senza interposizioni, con un tiro dalle 12 yard.

L’opposizione della F.A. e la decisiva approvazione 

McCrum espone l’idea agli inglesi della F.A., che viene respinta con vigore. In Inghilterra sono molto gelosi della loro creazione, e molto restii ad ascoltare consigli esterni. In uno Stoke City-Notts County di Coppa d’Inghilterra però, accade un fatto che farà cambiare idea anche ai signori della F.A. Il Notts è in vantaggio per 1-0 quando manca poco al termine. Lo Stoke spinge in avanti e rischia di pareggiare, un tiro insidioso batte il portiere quando un giocatore di movimento para con le mani. I giocatori dello Stoke si trovano così a dover calciare da molto vicino contro una barriera di 10 giocatori, non riuscendo più a segnare. Da regolamento è tutto lecito, ma i padroni di casa protestano con veemenza, convinti di essere stati vittima di un’ingiustizia. La notizia fa ben presto il giro di tutta la Gran Bretagna, così da far correre ai ripari le istituzioni calcistiche. Il 2 giugno di 130 anni fa, l’International Football Association Board istituisce il calcio di rigore, grazie all’idea di un portiere irlandese, William McCrum.