Michele Alboreto, il sorriso della Formula 1

Michele Alboreto, il sorriso della Formula 1

Il 25 aprile 2001 ci lasciava l'ultimo pilota italiano capace di vincere un Gran Premio con la Ferrari. Una delle personalità più pulite e amate del motorsport

Daniele Drago/Edipress

24 aprile 2021

  • Link copiato

Solo l’ultimo viaggio poteva spegnere quel sorriso, dolce biglietto da visita di una delle personalità più pulite e amate nella storia della Formula 1. Michele Alboreto correva per vivere, e viveva per correre. Una passione, quella per i motori e la pista, che non lo ha mai abbandonato, proprio come Nadia, conosciuta all’età di 16 anni e mai più lasciata. Nell’anima, una feroce determinazione; fuori, umiltà , rispetto e la capacità di sapersi ritagliare, con silenzio, un posto nel mondo.

 

Gli inizi carriera

 

Doti che affascinano anche Enzo Ferrari, che lo sceglie personalmente dopo che Michele in Tyrrell ha vinto, a Las Vegas e Detroit, i suoi primi due Gran Premi. La sua esperienza nel motorsport, al tempo, è comunque già da invidiare.

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti