Formula 1

F1, Hamilton e il rinnovo biennale con Mercedes

© Getty Images

Il sette volte campione del mondo inglese disputerà al volante della Mercedes anche le stagioni 2022 e 2023 del Mondiale di Formula 1.

Una decisione che era nell’aria, ufficializzata nella mattinata odierna. Lewis Hamilton continuerà a correre in Formula 1 e al volante della Mercedes fino al 2023 compreso, raggiungendo così la quota di 11 stagioni corse all’interno del team tedesco. Un rinnovo fortemente voluto sia dal campione inglese (nonostante la stagione sin qui deludente del team campione del mondo), ma anche dalla stessa Mercedes, che potrà così avvalersi anche per le prossime due stagioni di un campione ancora fortemente motivato ed affamato di vittorie come Lewis.
Significativo rilevare come la durata fino al 2023 del contratto tra Hamilton e la Mercedes sia anche quella del contratto di Toto Wolff con la casa di Stoccarda nelle vesti di Team Principal. Il sogno del manager austriaco (a cui Hamilton è profondamente legato) è quello a partire dal 2024 di trovare qualcuno di più giovane che possa poi sostituirlo nella sua mansione, con Wolff che resterebbe comunque in Mercedes nelle vesti di investitore. Una cosa, comunque, è certa: aver lavorato al fianco di un grande campione come Lewis Hamilton sarà sempre motivo di grande orgoglio e soddisfazione personale per il 49enne manager viennese, il quale sempre ai media ha rilevato che la scelta di firmare repentinamente il rinnovo biennale di Hamilton è legata al fatto in un momento piuttosto intenso nella lotta al titolo iridato con Red Bull di evitare ogni qualsivoglia distrazione. Da qui la scelta di annunciare questa mattina in Austria il rinnovo contrattuale di Hamilton, e non per esempio in Gran Bretagna, come propendevano buona parte delle indiscrezioni che giravano nel paddock.

Il rinnovo biennale di Hamilton: le dichiarazioni ufficiali del campione inglese e di Toto Wolff

Queste le dichiarazioni ufficiali di Lewis Hamilton e del Team Principal Toto Wolff pubblicate nel comunicato stampa Mercedes, che di fatto ufficializza il rinnovo contrattuale del campione inglese con il team tedesco fino al 2023.

Lewis Hamilton “È difficile credere che siano passati quasi nove anni da quando iniziai a lavorare con questo incredibile team, e sono entusiasta che continueremo la nostra partnership per altri due anni. Abbiamo raggiunto tanto insieme, ma abbiamo ancora tanto da fare, sia in pista che fuori. Sono incredibilmente orgoglioso e grato di come Mercedes mi abbia supportato nel mio impegno per migliorare la diversità e l'uguaglianza nel nostro sport. Si sono responsabilizzati e hanno compiuto importanti passi avanti nella creazione di un team più diversificato e di un ambiente inclusivo. Grazie a tutte le persone che lavorano in Mercedes il cui duro lavoro rende tutto possibile e al Consiglio di Amministrazione per la loro continua fiducia in me. Stiamo entrando in una nuova era dell'auto che sarà stimolante ed emozionante e non vedo l'ora di vedere cos'altro possiamo raggiungere insieme”.

Toto Wolff “Entrando in una nuova era della F1 dal 2022 in poi, non ci può essere pilota migliore da avere nella nostra squadra se non Lewis. I suoi successi in questo sport parlano da soli, e con la sua esperienza, velocità e abilità, è al punto più alto della sua carriera. Ci stiamo godendo la battaglia che abbiamo tra le mani quest'anno - ed è per questo che volevamo anche concordare questo contratto in anticipo, cosìcchè non abbiamo distrazioni dalla concorrenza in pista. Ho sempre detto che finché Lewis avrà il fuoco sacro per le corse, potrà continuare finché vuole”.

Secondo pilota Mercedes: Russell dopo l’estate?

Dopo l’annuncio del rinnovo di Hamilton, la Mercedes può finalmente concentrarsi sul nome del secondo pilota che dovrà affiancare nelle prossime stagioni il campione inglese. Nonostante l’endorsement pubblico di Hamilton nei confronti dell’attuale secondo pilota Valtteri Bottas (che il campione inglese vorrebbe con se anche il prossimo anno), il team tedesco sarebbe sempre più propenso ad affiancare al 35enne campione di Stevenage George Russell, che molto bene sta facendo in Williams, e che lo scorso anno sostituì brillantemente proprio Hamilton in occasione del Gp del Sakhir, venendo penalizzato sia da un grave errore ai box dei meccanici Mercedes, nonché da una foratura.

In casa Mercedes sono perfettamente convinti del fatto che dopo tre stagioni in Williams il 23enne pilota originario di King’s Lynn sia pronto per affiancare un campione del calibro di Hamilton addirittura già dopo l'estate, come riferisce in queste ore il giornalista di Corriere dello Sport Fulvio Solms, con Valtteri Bottas che a questo punto tornerebbe a guidare per la Williams. Quella stessa scuderia che lasciò nel Gennaio 2017 per inseguire quel sogno chiamato Mercedes.