Formula 1

F1: annullato il Gp di Turchia, doppia gara in Austria

© Getty Images

A causa delle restrizioni anti-Covid annullato il Gp di Turchia, con il Gp di Francia anticipato al 20 Giugno, a cui seguiranno due gare in Austria.

Una notizia che ha cominciato a circolare nel corso del weekend del Gp di Spagna, e che ha trovato solo nella giornata odierna la sua conferma definitiva. Dopo la finale di Champions League (spostata da Istanbul a Porto), il Covid priva la Turchia anche della Formula 1, con la gara prevista il prossimo 13 Giugno sul circuito dell’Istanbul Park al posto del Gp del Canada (inizialmente previsto nella stessa data a Montreal) che è stata ufficialmente cancellata. Determinante è stata la decisione del governo britannico di inserire la Turchia nella lista rossa dei paesi per i quali è obbligatorio svolgere una quarantena di 14 giorni una volta rientrati in patria, che nel caso della Formula 1 avrebbe riguardato ben sette delle dieci squadre partecipanti al Mondiale (solo le scuderie non britanniche, vale a dire Ferrari, Alfa Romeo e Alpha Tauri non sarebbero state toccate dal provvedimento in questione), provocando delle difficoltà nell’organizzazione della tappa successiva in Francia.

Vista, pertanto, l’impossibilità di poter viaggiare in Turchia (con il promotore della gara che ha chiesto a Liberty Media la possibilità di riprogrammare la stessa nel corso della stagione), la Formula 1 ha così deciso al momento di annullare la tappa turca, anticipando di sette giorni (dal 27 al 20 Giugno) il Gp di Francia previsto sul circuito del Paul Ricard, e inserendo così una doppia gara in Austria sul circuito del Red Bull Ring, con il 27 Giugno che vedrà lo svolgimento del Gp della Stiria, e il 4 Luglio il Gp d’Austria. Vale la pena ricordare che anche lo scorso anno la Formula 1 corse una doppia gara a Spielberg: nella fattispecie furono le due gare che dettero il via alla stagione dopo la mancata partenza in Australia per via dell’esplosione della pandemia legata al Covid.

Le dichiarazioni del Presidente e Ceo della Formula 1, Stefano Domenicali

Così il Presidente e Ceo della Formula 1, Stefano Domenicali, ha commentato questa ennesima modifica al calendario 2021 della massima serie motoristica.
“Non vedevamo l’ora di correre in Turchia, ma le restrizioni di viaggio in vigore ci hanno impedito di essere lì a Giugno. La Formula 1 ha dimostrato ancora una volta che è capace di reagire velocemente agli sviluppi e di trovare soluzioni e siamo lieti che avremo una doppia gara in Austria, il che significa che la nostra stagione rimane di 23 gare.
Voglio ringraziare il promoter e le autorità in Turchia per tutti i loro sforzi profusi nelle ultime settimane. Voglio ringraziare anche i promoter in Francia e Austria per la loro velocità, flessibilità ed entusiasmo nell’accogliere questa soluzione. Abbiamo avuto ottime conversazioni con tutti gli altri promoter dall’inizio dell’anno e continueremo a lavorare a stretto contatto con loro durante questo periodo”.

Il calendario aggiornato della Formula 1 2021