Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Formula 1, presentazione Gp Emilia Romagna© Getty Images

Formula 1, presentazione Gp Emilia Romagna

La Formula 1 sbarca ad Imola per il Gp del Made in Italy e dell’Emilia Romagna, seconda tappa (nonché prima europea) del Mondiale 2021. Diretta tv su SKY e TV8.

Ancora una volta Lewis contro Max: Hamilton contro Verstappen. È grande sul circuito intitolato ad Enzo e Dino Ferrari l’attesa per il nuovo capitolo del duello per il titolo iridato tra il sette volte campione del mondo inglese della Mercedes e il giovane talento olandese della Red Bull. Se sulla carta la RB16B in Bahrain è stata la monoposto da battere, alla resa dei conti a trionfare è stata la Mercedes W12, non tanto per una improvvisa superiorità tecnica ritrovata, quanto per l’ennesima prova di forza di Hamilton, che una volta di più si dimostra abile non solo a tirare fuori il massimo da una monoposto apparentemente meno competitiva rispetto a quelle delle ultime stagioni, ma anche e sopratutto a saper leggere con molta freddezza ed acume tattico la gara, portando Verstappen a compiere il sorpasso ai suoi danni con due ruote fuori dal limite di pista, con l’olandese a quel punto costretto a restituire la posizione.

Ora, però, si cambia scenario con la Formula 1 che approda in Europa, e lo fa sbarcando ad Imola a distanza di sei mesi da quello storico ritorno in terra emiliana dopo 14 anni di assenza. Il circuito è piaciuto molto alle squadre, impensabile non sfruttare il buco di calendario creatosi in seguito al rinvio a data da destinarsi del Gp della Cina e all’annullamento del Gp del Vietnam ad Hanoi per poterci tornare.
Se sul circuito del Sakhir la maggior insidia era rappresentata dalle alte temperature sebbene si corresse in notturna e sotto la luce dei riflettori, ad Imola le temperature saranno decisamente più fresche, quantificabili intorno ai 13-14° circa nell’arco del weekend. Interessante sarà dunque scoprire quale sarà il comportamento delle monoposto in questa differente situazione, visto che come l’esperienza e la stessa F1 ci insegna, bastano pochissimi gradi in più o in meno per modificare il comportamento di una data monoposto.

In quella che può essere considerata la prima gara casalinga della stagione, l’attenzione di tutti è rivolta alla Ferrari, che sul giro secco ha evidenziato un discreto passo avanti (legato non solo alla nuova power unit 065/6, ma anche all’ottimo lavoro svolto sul retrotreno, zona in cui la scuderia di Maranello ha speso i due gettoni di sviluppo disponibili) grazie al quarto posto in griglia di Charles Leclerc, al punto da risultare in Bahrain la squadra ad aver perso meno di tutte (521 millesimi) rispetto al tempo fatto segnare lo scorso anno, alla luce delle modifiche al Regolamento tecnico introdotte quest’anno che di fatto pur di continuare ad usare le mescole 2019 Pirelli hanno finito con il rallentare le monoposto. Ancora da lavorare un po', invece, sul passo gara, non apparso del tutto al livello di Mercedes, Red Bull e McLaren, con la gestione delle gomme che deve essere ancora un po' perfezionata.
Attese per questa gara alcune piccole novità, a cominciare da una nuova specifica di olio motore omologata dalla Shell, che sulla carta dovrebbe migliorare l’efficienza prestazionale della ICE (motore a combustione interna). Attese poi tra Imola e la prossima gara in Portogallo alcune novità all’altezza delle ali, così come del cape. Secondo alcune indiscrezioni, non è neanche da escludere l’ipotesi che alcune di queste novità vengano testate nelle libere del venerdì in programma sul circuito intitolato ad Enzo e Dino Ferrari, per poi valutarne un possibile debutto nella prossima gara in programma in Portogallo.

IMOLA IN FORMULA 1:L’ALBO D’ORO

Nonostante quella in programma domenica sia la seconda edizione del Gp dell’Emilia Romagna, Imola ha un rapporto storico con la Formula 1, nato grazie allo stretto rapporto intercorso tra Luciano Conti (fondatore ed editore di Autosprint, e all’epoca Presidente della Sagis), Enzo Ferrari e l’ex patron della Formula 1 Bernie Ecclestone. Dopo aver ospitato una gara non valida per il Mondiale (Gran Premio Dino Ferrari) nel 1979, ed eccezionalmente nel 1980 il Gp d’Italia in sostituzione di Monza (unica volta nella storia del Circus), il circuito intitolato ad Enzo e Dino Ferrari ha ospitato dal 1981 al 2006 il Gp di San Marino. Tanti gli episodi occorsi in quegli anni, tra i quali ricordiamo la fine dell’amicizia tra i piloti Ferrari Gilles Villeneuve e Didier Pironi nel 1982, la definitiva rottura dei rapporti in McLaren tra Alain Prost e Ayrton Senna nel 1989 in una gara contrassegnata dal terribile incidente occorso alla Rossa di Gerhard Berger salvatosi miracolosamente, i drammatici incidenti costati la vita nel 1994 all’austriaco Roland Ratzenberger e all’indimenticabile campione brasiliano Ayrton Senna, ma anche le prime vittorie in carriera di Heinz Harald Frentzen nel 1997 e di Ralf Schumacher nel 2001.

Per quanto riguarda i piloti che hanno ottenuto il maggior numero di pole position ad Imola troviamo in testa con 8 pole Ayrton Senna (dal 1985 al 1991, 1994), seguito a quota 5 da Michael Schumacher (1995, 1996, 2002, 2003 e 2006), e a quota 3 da Renè Arnoux (1980, 1982 e 1983).
Per quanto riguarda i piloti plurivittoriosi ad Imola troviamo in testa con 7 vittorie Michael Schumacher (1994 con Benetton, 1999, 2000, 2002, 2003 2004 e 2006 con Ferrari), seguito a quota 3 da Alain Prost (1984 e 1986 con McLaren, 1993 con Williams) e Ayrton Senna (1988, 1989 e 1991 con McLaren), e a quota 2 da Nigel Mansell (1987 e 1992 con Williams), e da Damon Hill (1995 e 1996 con Williams).
Per quanto riguarda i piloti italiani, da registrare una vittoria nel 1985 per Elio De Angelis (Lotus), e una nel 1990 di Riccardo Patrese a bordo della Williams.

Soffermandoci infine sull’albo d’oro del Gp dell’Emilia Romagna, nell’unica edizione finora disputata (2020) da registrare pole position e vittoria ad opera di Lewis Hamilton, con la Mercedes che in quell’occasione si laureò per la settima volta consecutiva Campione Del Mondo Costruttori.

ASSETTO DELLA MONOPOSTO E GOMME PIRELLI A IMOLA

Il circuito di Imola intitolato ad Enzo e Dino Ferrari è lungo 4909 metri, si percorre in senso antiorario ed è costituito da 19 curve. La conformazione della pista non facilita in maniera significativa i sorpassi (solo 6 nell’edizione 2020) per via della sede stradale piuttosto stretta. Importante sarà quindi avere una buona strategia di gara, e al contempo sfruttare al meglio l’unica zona DRS prevista (posta sul tratto veloce che collega la Variante della Rivazza al Tamburello), che, rispetto alla gara corsa sei mesi fa presenta il detection point non più all’uscita ma all’ingresso della Rivazza, con il DRS che potrà essere attivato 60 metri prima rispetto alla gara 2020, con sulla carta maggiori possibilità di sorpasso.
Osservando le caratteristiche della pista, è preferibile puntare su un carico aerodinamico medio-alto, che possa consentire di sfruttare al massimo sia il rettilineo, sia le curve a medio-alta velocità.

Per quanto riguarda le gomme, Pirelli ha confermato le mescole C2, C3 e C4 già usate lo scorso anno sul circuito del Santerno. Una scelta dovuta, in quanto dopo la riasfaltatura della pista l’asfalto si presenta in alcuni tratti irregolare, e alcuni cordoli risultano essere piuttosto impegnativi sia per i piloti, sia sopratutto per le monoposto.
A differenza dell’edizione 2020 caratterizzata dal weekend di gara ridotto a sabato e domenica, quest’anno il Gp del Made in Italy e dell’Emilia Romagna verrà spalmato come d’abitudine su tre giorni, e più precisamente dal venerdì alla domenica. Di conseguenza, l’allocazione delle gomme è quella standard, con 13 set di gomme a disposizione di ciascun pilota, di cui 7 set di gomme morbide C4, 3 set di gomme medie C3 e 2 set di gomme dure C2.

COPERTURA TELEVISIVA SU SKY E TV8

Il Gp dell’Emilia Romagna verrà trasmesso in diretta pay da Sky e in chiaro su TV8 (canale 8 del digitale terrestre).

Rispetto agli orari precedentemente annunciati, nei giorni scorsi Liberty Media ha ufficializzato un aggiustamento degli orari per le giornate di venerdì e sabato come segno di rispetto per i funerali del Principe Filippo di Edimburgo, scomparso nei giorni scorsi all’età di 99 anni.
Alla luce, quindi, dei nuovi orari, le tre sessioni di prove libere (Venerdì 16 Aprile dalle 11 alle 12 la FP1, dalle 14:30 alle 15:30 la FP2 e Sabato 17 Aprile dalle 11 alle 12) verranno trasmesse in diretta su SKY SPORT F1 HD (canale 207 della piattaforma Sky per satellite e fibra) e su SKY SPORT UNO (canale 201 della piattaforma Sky per satellite e fibra; canale 482 (SD) e 472 (HD) del digitale terrestre).
Le Qualifiche (Sabato 17 Aprile alle 14, con prequalifiche dalle 13:30) verranno trasmesse in diretta pay su SKY SPORT F1 HD, su SKY SPORT UNO e in chiaro su TV8.
La gara (Domenica 18 Aprile alle 15 con pregara dalle 13:30) infine, verrà trasmessa in diretta pay su SKY SPORT F1 HD, su SKY SPORT UNO (dalle 15 subito dopo la MotoGp), su SKY SPORT 486 sul digitale terrestre e in chiaro su TV8.

Condividi

  • Link copiato

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi