Formula 1

Leclerc e il rinnovo contrattuale con Ferrari

© LAPRESSE

La scuderia di Maranello ha ufficializzato in queste ore il rinnovo contrattuale di Charles Leclerc, che estenderà così la sua collaborazione con la scuderia di Maranello fino al termine della stagione 2024.

Una notizia che era nell’aria già da diverse settimane, ufficializzata a poche ore dalle festività natalizie. Il futuro di Charles Leclerc sarà sempre più in Rosso: il pilota monegasco ha infatti rinnovato con Ferrari, estendendo la durata del proprio contratto in scadenza a fine 2022 di altre due stagioni, portandolo così a scadenza a fine 2024. Una mossa, quella della scuderia di Maranello, volta, come vedremo più avanti, da una parte a togliere Leclerc dal mercato piloti e dall’altra a renderlo sempre più il pilota su cui costruire il futuro della Rossa in Formula 1.

Un’avventura, quella di Leclerc in Ferrari, che comincia sul finire del 2015, quando al giovane monegasco viene offerta la possibilità di entrare a partire dal 2016 nella Ferrari Driver Academy, firmando così il primo contratto che lo lega alla scuderia di Maranello. La conquista dei titoli nei campionati di GP3 in quello stesso 2016 e poi in GP2 nel 2017, oltre a un’ottima annata d’esordio in Formula 1 nel 2018 al volante dell’Alfa Romeo Sauber grazie a un immenso talento che emerge nel suo stile di guida spingono la Ferrari nel Settembre 2018 non solo a promuoverlo al volante della Rossa per il 2019 (rispettando così uno degli ultimi desideri del compianto Presidente Sergio Marchionne), ma anche ad estendere per la prima volta il contratto di Charles fino al termine della stagione 2022, aumentando il suo compenso, portandolo a circa tre milioni di euro a stagione.
Nessuno però poteva immaginarsi una prima stagione in Ferrari del giovane Leclerc caratterizzata da 7 pole position, ben due vittorie (Belgio e Monza) oltre a una serie di prestazioni alla fine risultate migliori rispetto a quelle del suo caposquadra, il quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel, che ha spinto così il management della Rossa a prolungargli ulteriormente il contratto fino a fine 2024, portando così il suo compenso (secondo alcune indiscrezioni) a circa nove milioni di euro a stagione, esclusi eventuali premi per vittorie, o piazzamenti stagionali.

Una scelta, quella Ferrari, come sostiene il Team Principal Mattia Binotto nel comunicato stampa diffuso dal team di Maranello, divenuta sempre più naturale gara dopo gara e basata sulla volontà reciproca nel legare saldamente i propri nomi per il prossimo futuro (fino a fine 2024) con l’auspicio di poter scrivere insieme nuove pagine della storia del Cavallino Rampante.

Un auspicio al quale si lega ovviamente anche Leclerc, il quale nelle poche righe diffuse dal comunicato ufficiale e ribadite poi in modo più approfondito via Twitter, esprime la propria felicità per aver rinnovato con Ferrari, che ringrazia fortemente per questa possibilità. Charles spiega poi di aver imparato molto durante questo primo anno con la squadra e ciò sarà un grande punto di partenza per costruire un rapporto negli anni a venire.

Non c’è dubbio che con questa decisione Ferrari abbia voluto indirettamente togliere Leclerc dal mercato piloti, blindando ulteriormente quello che al momento è senza ombra di dubbio il miglior prodotto della sua Academy. A maggior ragione dopo che nel corso dell’autunno nonostante il contratto in essere con la scuderia di Maranello fino a fine 2022 la Mercedes non abbia esitato a corteggiare il pilota monegasco forse in vista di un eventuale addio di Hamilton a fine 2020, nonostante il primo candidato a raccoglierne eventualmente il testimone resti il pilota olandese della Red Bull Max Verstappen.

Forte del suo amore e della sua fedeltà nei confronti della Ferrari, la scuderia di Maranello non ha comunque voluto correre rischi, e così ecco la decisione come sopra scritto di blindare una volta di più Leclerc, allungando il suo contratto fino a fine 2024, e mettendo in chiaro non solo a Sebastian Vettel (in scadenza di contratto a fine 2020) o al sei volte campione del mondo Lewis Hamilton nel caso dovesse sbarcare a Maranello, o comunque a qualunque altro pilota dovesse approdare in Rosso (Sainz, Ricciardo, Giovinazzi, ecc.) che l’uomo del futuro (o meglio, il punto di riferimento per i prossimi anni a venire) per poter costruire un ciclo vincente in casa Ferrari sarà proprio lui, Charles Leclerc.