Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Hamilton e un sogno chiamato Ferrari. Prima parte© Getty Images

Hamilton e un sogno chiamato Ferrari. Prima parte

Dopo le indiscrezioni diffuse nei giorni scorsi di alcuni contatti tra il sei volte campione del mondo della Mercedes, Lewis Hamilton, e il presidente della Ferrari, John Elkann, proviamo a capire quanto sia realmente possibile l'approdo in Rosso del pilota inglese.

  • Link copiato

“La Ferrari è il sogno di tutti i piloti, me compreso”. Così Lewis Hamilton nell'agosto 2017 rispose a quei giornalisti che in prossimità del weekend del Gp d'Italia a Monza gli chiesero, conoscendo il suo amore per i colori della scuderia di Maranello (nati quando osservava Michael Schumacher vincere con la Rossa) se nel suo futuro fosse previsto un approdo in Ferrari, vista anche la scadenza del suo contratto con Mercedes a fine 2018. Lo stesso campione inglese spiegò in seguito che un eventuale approdo a Maranello sarebbe stato plausibile solo dopo i successivi 3-4 anni, facendo riferimento alla scadenza naturale del contratto di Sebastian Vettel, prevista al termine della stagione 2020.

Non e

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi