Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Floersch, Leclerc, Hulkenberg: quando la sicurezza ti salva la vita

Floersch, Leclerc, Hulkenberg: quando la sicurezza ti salva la vita

Gli incidenti occorsi quest'anno a Sophia Floersch a Macao nell'ultima gara del campionato europeo di F3, a Charles Leclerc in Belgio e a Nico Hulkenberg ad Abu Dhabi in Formula 1 ci dimostrano una volta di più come la sicurezza tra telaio, Halo ed abitacolo abbia fatto un notevole passo in avanti rispetto a qualche anno fa.

  • Link copiato

Uscire dall'abitacolo della propria monoposto dopo un violento urto illesi o leggermente storditi, o, alla peggio, con un infortunio recuperabile in pochissime settimane o mesi, ma comunque vivi. Una cosa assolutamente impensabile fino a pochi anni fa, ma che per fortuna con il tempo è cominciato a diventare realtà sia grazie alla volontà della FIA (Federazione Internazionale dell'Automobile) di puntare ancora di più a 360 gradi sulla sicurezza del pilota al volante della propria monoposto, sia da parte dei costruttori che, in accordo con la stessa Federazione, hanno potuto determinare anche grazie a degli specifici crash test i migliori materiali possibili volti ad assicurare la massima solidità dell'abitacolo e della sua cella di sicurezza al pilota impegnato a guidare in pista.

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi