Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Mandzukic, continua la maledizione del nove

Mandzukic, continua la maledizione del nove


«Non ho particolari problemi con i numeri di maglia. Spesso ho giocato con il numero 17, ma non era disponibile. C’era libera la 9, che ho già indossato in passato, e allora l’ho scelta. Comunque non conta molto il numero che ho sulle spalle, l’importante è guardare avanti e dare il massimo»
 

Redazione

15 dicembre

  • Link copiato

Dopo aver lasciato la Juve era finito a giocare a in Qatar, per poi restare praticamente fermo per sei mesi. Quasi il preludio, a 34 anni, a un addio al calcio giocato. E invece a fine Gennaio si concretizza ilo suo ritorno in Italia, al Milan: scelto per dare un ulteriore apporto di qualità, fisicità e centimetri all’attacco, una ciliegina degna di contribuire a mantenere in alto i rossoneri, dopo anni tornati a primeggiare in classifica. Esperienza, leadership e spirito vincente: tutte caratteristiche che il croato finì per lasciare inconsapevolmente a casa. Nei piani suoi e del club avrebbe dovuto essere il vice Ibra o, perché no, un compagno di reparto affidabile, ma i ripetuti problemi fisici lo hanno tormentato per l’intera permanenza in rossonero, decisamente effimera: non è riuscito nulla, ma proprio nulla, del progetto che avevano in mente.

VOTA IL CALCIOBIDONE 2021

Come spesso accade alle squadre di Pioli, il Milan finisce per perdere colpi in primavera (meno di quanto ci saremmo aspettati, però) e il croato si segnala solo per il gesto di rinunciare al proprio stipendio di marzo, causa lo scarso impiego. Un bel punto a suo favore, tuttavia l’eco del suo contributo ha finito per perdersi nell’etere: quattro presenze da subentrato subito dopo il suo arrivo, poi un infortunio muscolare. Il rientro a metà Aprile, una sola presenza da titolare e altre cinque partendo dalla panchina. Sono state 11 le sue presenze complessive, di cui soltanto 2 dall’inizio, per un totale di 287 minuti e neanche un gol. Dopo la vittoria di Bergamo, che ha permesso di ottenere la qualificazione alla Champions, saluta tutti: «Sono grato alla dirigenza per avermi dato l’opportunità di giocare qui e sono felice di aver contribuito a riportare questo grande club al ritorno in Champions». Belle parole, ma si notano alcune incongruenze: il croato pare non aver “giocato”, nel senso pieno del termine, e di conseguenza di aver “contribuito”. La maledizione del numero 9 (che scelse al suo arrivo a Milanello) continua a fare proseliti. AFFONDATO.

VOTA IL CALCIOBIDONE 2021

Condividi

  • Link copiato

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi