Calcio Internazionale

Ai rigori contro la Spagna

© LAPRESSE

L'Italia ha conquistato la finale di Euro 2020 battendo la Spagna con i tiri dagli undici metri, vendicando alcune sconfitte del passato... 

L'Italia di Mancini è in finale di Euro 2020, dopo una partita di sofferenza assoluta contro la Spagna, finita 1-1 nei 120' (vantaggio di Chiesa e pareggio di Morata) e dopo una serie finale ai calci di rigore che per la prima volta ha detto bene agli azzurri. Locatelli con parata di Unai Simon, Dani Olmo alto, Belotti gol, Gerard Moreno gol, Bonucci gol, Thiago Alcantara gol, Bernardeschi gol, Morata parato da Donnarumma, Jorginho gol: questa la serie che per sempre ricorderemo, senza dimenticare quelle che ci hanno fatto male.

Quella dei quarto di finale di Euro 2008, quando l'Italia di Donadoni uscì con gli errori dal dischetto di De Rossi e Di Natale. Quella della semifinale della Confederations Cup 2013, quando l'Italia di Prandelli perse per l'errore di Bonucci (giocò anche Chiellini, che del resto era in campo anche nel 2008...). Quella della finale dell'Europeo Undert 21 del 1986, quando l'Under 21 di Vicini, che in attacco schierava Vialli e Mancini, perse la finale contro la Spagna di Suarez sbagliando tutti e tre i rigori tirati: Giannini, Desideri e Baroni. A livello Under 21, va detto, l'Italia avrebbe poi pareggiato i conti dieci anni più tardi, battendo in finale la Spagna di Clemente proprio ai rigori (sbagliò Panucci, poi segnarono Pistone, Fresi, Nesta e Morfeo), ma la nazionale maggiore è ovviamente un'altra cosa.

Quanto a Mancini, limitando il discorso al Mancini allenatore, mai nella sua lunga carriera a livello di club aveva vissuto un finale ai calci di rigore e quindi volendo beatificarlo si può dire che abbia un record del 100%. E chissà che anche la finale non finisca in quiesto modo. Di certo la sua Italia ha dimostrato di saper vincere in ogni modo e per gli azzurri i rigori non sono mai banali considerando quanti Mondiali (1990, 1994, 1998) sono sfumati in situazioni simili.