Calcio Internazionale

Gerd Müller ancora meglio di Lewandowski

© Getty Images

Il record di gol in Bundesliga appena stabilito è una grande impresa dell'attaccante polacco, ma ovviamente vale meno di quello di 49 anni fa...

Robert Lewandowski con il gol in extremis segnato nel 5-2 all'Augusta ha stabilito in Bundesliga un record che definire storico non è esagerazione. Con 41 gol in questo campionato ha infatti superato i 40 di Gerd Müller, anche lui con la maglia del Bayern Monaco, nella stagione 1971-72. Per dare una proporzione anche all'attualità, dietro di lui sono finiti l'ex milanista Andre Silva, dell'Eintracht Francoforte, con 28 gol, ed il gioiello del Borussia Dortmund, Haaland, con 27.

Se questo Bayern ha dominato la Bundesliga, come spesso gli succede, quello 1971-72 la vinse a fatica dopo una grande lotta con lo Schalke 04 che aveva nell'allora giovane Klaus Fischer la sua punta di diamante. Dettaglio da non trascurare: i 40 gol con cui Müller concluse il campionato furono quasi il doppio dei 22 del secondo cannoniere, appunto Fischer. Il Bayern di Udo Lattek era uno squadrone, quasi tutto tedesco ma rapportato ai tempi di livello simile a quello attuale: Maier, Breitner, Schwarzenbeck, Hoeness, sua maestà Beckenbauer e appunto Gerd Müller. Un gruppo che sarebbe stato alla base delle 3 Coppe dei Campioni vinte fra il 1973 e il 1976, le ultime con anche Rummenigge. Al di là dei record, perché Müller ne detiene ancora mille, di ogni tipo, bisogna ricordare che proprio Beckenbauer, uno al quale non manca l'autostima, ritiene Müller il giocatore più importante nella storia del Bayern. Ed anche che la Bundesliga dell'epoca era molto più equilibrata di quella attuale, con tante squadre davvero ambiziose in senso sportivo e non soltanto vogliose di incassare soldi dal Bayern per la vendita dei gioielli di famiglia.

Diamo poi per scontati i discorsi sulle regole diverse: quanti gol in più avrebbe segnato a stagione Müller con portieri costretti a giocare il pallone con i piedi e difensori con meno possibilità di fare ostruzionismo e melina? Le caratteristiche tecniche dì Müller e la sua rapidità nel breve gli avrebbero fatto capitalizzare in carriera centinaia di errori anche piccoli delle difese. Il Bayern 1971-72 segnò 101 gol in Bundesliga, quello attuale nonostante le regole diverse (anche sul fuorigioco, per non parlare dei rigorini VAR), 'soltanto' 99, sempre in 34 partite. Diciamo tutto questo non per togliere qualcosa a Lewandowski, che è un vero fenomeno, ma per dare i giusti meriti ad un Müller che purtroppo per via dell'Alzheimer non sta seguendo questo dibattito.