Calcio Internazionale

Il meglio e il peggio di Kenny Dalglish

© AFPS

Uno dei più grandi campioni nella storia del Liverpool, del Celtic e della Scozia compie 70 anni. E può dire nel calcio di aver visto davvero di tutto...

70 anni, come quelli che Kenny Dalglish compie oggi essendo nato il 4 marzo del 1951 a Dalmarnock, periferia Est di Glasgow. Anni 70, come il decennio in cui il campione scozzese ha fatto sognare e discutere gli appassionati di calcio di tutta Europa, soprattutto quando nel 1977 il Liverpool lo ingaggiò di fatto per sostituire Kevin Keegan appena passato all'Amburgo dopo la prima Coppa dei Campioni vinta dai Reds. La storia fra Dalglish ed il Liverpool è lunghissima ed i lettori del Guerin Sportivo la sanno bene, avendo conosciuto Dalglish prima ancora di poterne vedere le immagini in movimento. 

Dalglish è stato al Liverpool in totale 20 anni, 13 come giocatore e 7 come allenatore, e la curiosità è che questi anni sarebbero potuti tranquillamente essere una trentina. Perché nel 1966 il quindicenne Dalglish, che fino ad allora aveva giocato soltanto in squadre scolastiche (cosa nel Regno Unito non rara, anche per giocatori molto forti), fu chiamato per un provino al Liverpool dal leggendario Bill Shankly e scartato dal santone in persona, prima di un altro provino fallito al West Ham.

Dalglish era comunque un tifoso a dir poco fanatico dei Rangers, come tutta la sua famiglia, e gli dei del calcio avevano voluto che la sua camera da letto fosse a 500 metri in linea d'aria dal campo di allenamento della sua squadra del cuore. Che però, nonostante nel calcio giovanile scozzese fosse già una piccola leggenda, non lo cercò mai mentre nel 1967 fu molto più concreto il Celtic, freschissimo campione d'Europa battendo in finale l'Inter di Herrera. E proprio in un derby contro i Rangers arrivò il primo gol di Dalglish nel calcio maggiore: sotto la guida di Jock Stein avrebbe vinto quattro campionati scozzesi ed altri trofei, con la consacrazione europea soltanto sfiorata nella Coppa dei Campioni 1973-74, dopo una violentissima semifinale con l'Atletico Madrid allenato da Juan Carlos Lorenzo.

Una carriera meravigliosa, quella di Dalglish, che avrebbe potuto finire già all'inizio visto che nel 1971 era all'Ibrox Park come spettatore per un derby fra i padroni di casa ed il Celtic quando accadde la tragedia durante il deflusso del pubblico alla fine della partita, con 66 morti e oltre 200 feriti. Si può dire che Dalglish con le sue tre Coppe dei Campioni alzate con la maglia del Liverpool, i suoi 3 Mondiali con la Scozia e tutto il resto abbia visto il meglio ed il peggio del calcio, perché è stato testimone diretto anche dell'Heysel, da giocatore, e di Hillsborough, da allenatore.