Calcio Internazionale

Le poche volte di Cristiano Ronaldo contro Messi

© Juventus FC via Getty Images

Nel girone di Champions League con Juventus e Barcellona si sfideranno i due fuoriclasse che hanno segnato 15 anni di calcio ma che in campo internazionale non si sono incrociati quasi mai...

Cristiano Ronaldo contro Lionel Messi. Il sorteggio dei gironi di Champions League ha collocato la Juventus nel gruppo G, lo stesso di Dinamo Kiev, Ferencvaros e, appunto, Barcellona. Inevitabile riparlare di una rivalità, sportiva ed in parte anche umana, che ha segnato gli ultimi 15 anni del calcio mondiale ma che in concreto si è materializzata soprattutto in Spagna, mentre in Champions per evidenti motivi (CR7 ha giocato 9 stagioni nel Real Madrid, che non poteva finire nel girone del Barcellona) gli incroci sono stati pochissimi, soltanto 5. E in nazionale, con Portogallo e Argentina, soltanto 2 e sempre in amichevole: la prima volta nel 2011 a Ginevra (vinse l’Albiceleste 2-1, con gol della vittoria su rigore di Messi, dopo che Cristiano Ronaldo aveva segnato l’1-1) e la seconda nel 2014 a Manchester, all’Old Trafford (vinse 1-0 il Portogallo ed entrambi gli uomini-simbolo furono anonimi). Si può quindi dire che le uniche vere partite internazionali con questi due fenomeni in campo si siano viste in Champions: 5 volte, che probabilmente diventeranno 7.

La prima fu il 23 aprile del 2008, semifinale di Champions League fra il Manchester United di Alex Ferguson e il Barcellona di Rijkaard: finì 0-0, nonostante l’impostazione iper-offensiva di entrambe le squadre (lo United aveva Tevez e Cristiano Ronaldo punte centrali, con Rooney e Park larghi), Ronaldo sbagliò anche un rigore. Al ritorno a Manchester, il 29 aprile, altra partita tiratissima, risolta da Scholes nei minuti iniziali e con il Barcellona, dove Messi partiva da destra in un attacco che aveva Samuel Eto’o al centro e Iniesta finta punta a sinistra, che sfiorò più volte il pareggio della qualificazione. Quella Champions poi Cristiano Ronaldo l’avrebbe alzata, battendo ai rigori (ma sbagliando il suo nella serie finale) il Chelsea nella finale di Mosca. 

Il terzo incrocio di Champions fra Cristiano Ronaldo e Messi sarebbe avvenuto l’anno dopo, sempre con Manchester United e Barcellona, nella finale di Roma del 27 maggio. Curiosamente entrambi all'Olimpico furono schierati da falsi 9, il portoghese in un attacco con Rooney e Park, l’argentino fra Eto’o e Henry. Vinse per 2-0 il Barcellona nella prima stagione con Guardiola allenatore, dopo l’apprendistato nella squadra B. Messi giocò una grandissima partita, segnando anche il gol del 2-0, di testa su assist di Xavi (l’1-0 era stato di Eto’o, mai amato da Guardiola che infatti di lì a poco avrebbe fatto prendere Ibrahimovic al suo posto), mentre Cristiano Ronaldo iniziò la partita alla grande e fu l’unico dei suoi sopra la sufficienza. Si sentì quasi impotente e forse fu lì che decise di passare al Real Madrid, per avere una squadra all’altezza delle sue ambizioni, ritenendo (ingiustamente) che lo United non fosse più tale. 

Nei 9 anni successivi tanti incroci in Spagna, ma soltanto due in Champions, nelle semifinali 2010-2011, la prima stagione con Mourinho sulla panchina madridista, dopo il Triplete all'Inter. Non c’è bisogno di descrivere la tensione che precedette quelle due partite, superabile soltanto da una finale di Champions fra le due superpotenze che finora non si è vista. L’andata al Bernabeu del 27 aprile, piena di calci più che di calcio, fu letteralmente dominata da Messi molto al di là dei 2 gol del 2-0 per i catalani. Nel ritorno del 3 maggio, con Mourinho squalificato, la partita fu di fatto chiusa quasi subito da un gol dell'attuale romanista Pedro, con l’1-1 che arrivò da Marcelo e i due fenomeni sotto al loro livello, Messi preoccupato di salvare le gambe e Cristiano Ronaldo rabbioso anche oltre i suoi standard. 

La statistica dice quindi che su 7 confronti internazionali fra Cristiano Ronaldo e Messi 2 volte abbia vinto la squadra del portoghese e 3 quella dell’argentino, con 2 pareggi: 1 gol totale di Cristiano Ronaldo e 4 quelli di Messi, che al di là dei numeri ha quasi sempre giocato meglio o comunque sofferto meno la tensione rispetto al suo rivale di sempre. È comunque curioso che anche in una realtà sportiva come la Champions, in cui ad alto livello ci sono quasi sempre le stesse squadre, i due campioni più grandi siano stati faccia a faccia, in Europa, così poche volte. La strada per la NBA del calcio è ancora lunga.