Calcio Giovanile

Europeo Under 17 - L'Italia vola al Mondiale

La Nazionale Under 17 batte 2-1 l’Ucraina con una rimonta tutto cuore e carattere. Il gol di Pugliese all’ultimo respiro avvicina la qualificazione alla semifinale del Campionato Europeo ma soprattutto regala all’Italia il pass per il Mondiale in programma negli Emirati Arabi il prossimo autunno. Partita ricchissima di emozioni a Nitra, con l’Ucraina in vantaggio a metà ripresa con un gran gol di Vachiberadze e gli azzurrini capaci di rimontare negli ultimi quattro minuti grazie alle reti del neo entrato Vido e di Pugliese. Sabato (calcio d’inizio alle 19.30, diretta su Eurosport 1), contro la Russia che ha fermato la Croazia sullo 0-0, servirà un’altra vittoria per garantirsi l’accesso alla semifinale, ma intanto la qualificazione al Mondiale è cosa fatta. Ed è un fondamentale segnale di riscossa per il nostro calcio. Pensare che a cinque minuti dalla fine tutto sembrava compromesso, con l’Italia incapace di concretizzare le diverse palle gol costruite e punita da una conclusione dalla distanza deviata da Parigini. E proprio Parigini, subentrato all’infortunato Piu al termine del primo tempo, è stato decisivo in occasione del gol del pari, quando, dopo aver ciccato la prima conclusione al volo su cross di Tutino, ha tirato di nuovo in porta trovando la deviazione fortunata di Vido, entrato pochi minuti prima in campo al posto di Bonazzoli. Poi in pieno recupero Pugliese ha scambiato il pallone con Cerri al limite dell’area e di sinistro ha trovato lo spiraglio per il gol partita. Al Nitra Stadium l’Italia è partita bene e, dopo un brivido in apertura, con una conclusione di Zinchenko ribattuta da Dimarco a pochi metri dalla porta difesa da Scuffet, al 6’ Bonazzoli ha raccolto un lancio dalle retrovie, ma non è riuscito a coordinarsi e di sinistro ha concluso a lato. Tre minuti più tardi azzurrini ancora pericolosi con Capradossi (nella foto) sugli sviluppi di un calcio d’angolo e al 12’ l’arbitro non ha visto una trattenuta ai danni di Cerri lanciato a rete. Con Bonazzoli a svariare su tutto il fronte offensivo e Cerri pronto a sfruttare le discese sulle fasce di Piu e Pugliese, l’Italia ha sfiorato il vantaggio al 28’ con una conclusione di Pugliese dalla distanza respinta da Soldatenko. Nessun pericolo per la porta di Scuffet, anche se con un paio di ripartenze l’Ucraina ha dimostrato di poter creare qualche problema alla difesa azzurra. Nel finale di tempo l’infortunato Piu ha lasciato il posto a Parigini anticipando di un paio di minuti il ritorno negli spogliatoi. Nella ripresa il neo entrato ha sfiorato subito il vantaggio con una conclusione di destro terminata a lato, poi è stato Cerri ad andare vicino al gol prima in rovesciata e poi con un colpo di testa in tuffo terminati di poco fuori. Come una doccia fredda è arrivata invece la rete dell’Ucraina, con Vachiberadze che al 21’ ha raccolto una respinta su calcio d’angolo e ha lasciato partire un gran sinistro dalla distanza che, complice la deviazione di Parigini, si è infilato sotto l’incrocio dei pali. Alla ricerca del pari Zoratto ha mandato in campo Tutino al posto di Palazzi e proprio il centrocampista del Napoli ha servito a Parigini il pallone del pareggio, con l’ultimo tocco decisivo di Vido, entrato a sua volta al posto di Bonazzoli, a un metro dalla porta.  In pieno recupero poi Pugliese, dopo un bel triangolo con Cerri, ha battuto Soldatenko con un pregevole tocco sotto di sinistro. Sabato con la Russia, senza lo squalificato Cerri, bisognerà vincere per continuare a sognare. Ucraina– Italia 1-2 UCRAINA: Soldatenko, Luchkevych (dall’80 , Knysh), Kuksenko, Makohon, Kyryukhantsev, Boryachuk (dal 70’ Yarovoy), Vachiberadze, Tsygankov (dal 41’ Tretyakov), Shtanenko, Lukyanchuk (Cap.), Zinchenko. A disp: Bezruk, Ardelyan, Orikhovskiy, Osman. All: Olexander Golovko. ITALIA: Scuffet, Calabria, Dimarco, Pugliese, Capradossi, Sciacca, Piu (dal 38’ Parigini), Palazzi (dal 64’ Tutino), Tibolla, Cerri (Cap.), Bonazzoli (dal 69’ Vido). A disp: Audero, Lomolino, Steffè, Calabresi. All: Daniele Zoratto. Arbitro: Slavko Vincic (Slovenia). Reti: 61’ Vachiberadze, 75’ Vido, 83’ Pugliese. Ammoniti: Cerri (Ita) Calabria (Ita).