Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Il calcio di Agnelli

Il calcio di Agnelli

Un'idea di Juventus, il mercato di Zaniolo e la testa di Skriniar.

Stefano Olivari

8 giorni fa

  • Link copiato

Vent’anni fa moriva Gianni Agnelli: da settimane si leggono rievocazioni e ricordi di ogni tipo, ma dal nostro punto di vista lui è stato soprattutto il proprietario della Juventus, in alcuni anni (dal 1947 al 1954, con due scudetti) anche presidente operativo. In quelle stagioni, molto significative per capire l’atteggiamento di Agnelli nei confronti del calcio, il giovane Boniperti esplose, in Italia arrivò il gioco a zona grazie a Jesse Carver, furono presi campioni come i due Hansen e Praest, ma il leader rimase un’icona della piemontesità come Carlo Parola (piemontesi erano anche Boniperti e Viola) e furono scelti con attenzione anche i gregari. Insomma, non era una squadra di figurine strapagate, che peraltro Agnelli avrebbe potuto tranquillamente fare. In

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 2,99 € 4,50

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi