Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

La chiavetta di Moggi

La chiavetta di Moggi

L'addio di Andrea Agnelli, la Serie B di Santo Stefano, gli allenatori del 2006 e il mistero Benzema

Stefano Olivari

29 dicembre

  • Link copiato

La Juventus di Andrea Agnelli è ufficialmente finita, dopo l’assemblea dei soci presieduta per l’ultima volta dal presidente dei 9 scudetti consecutivi ma anche del disastro finanziario (meno 239,3 milioni di euro il risultato del solo 2021-22) e giudiziario finale, che ha offerto a John Elkann il motivo per azzerare tutto e ripartire da un consiglio di amministrazione composto da uomini e donne provenienti da fuori del calcio. Poi le luci della ribalta in assemblea se le è prese Luciano Moggi, piccolo azionista ma grande ex, con l’ormai mitica chiavetta USB contenente tutti i retroscena di Calciopoli. Il messaggio è evidente: Moggi, da sempre sostenitore di Andrea Agnelli pur essendo sempre da lui stato tenuto alla larga dalla Juventus, pensa che a 16 anni di d

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 2,99 € 4,50

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi