Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Il motivatore Mourinho© LAPRESSE

Il motivatore Mourinho

I singoli della Roma, il Mondiale dalla provincia, il patrimonio di Zhang, il ritorno di Ferrero e l'esclusione di Castillo. 

Stefano Olivari

16 novembre

  • Link copiato

Dopo Karsdorp è stato il turno di Abraham: le strategie motivazionali di Mourinho sono spesso incomprensibili, ma negli ultimi vent’anni lo hanno cercato i più grandi club del mondo mentre molti allenatori-guru da progetto dopo due stagioni di buona stampa sono davanti al televisore e quindi forse Mourinho non è più scarso del proverbiale trentenne tedesco che ogni tanto va di moda. Perché lo Special One tira così tanto la corda nonostante la Roma in fondo sia a soltanto 3 punti dalla zona Champions? Perché nessuna squadra di A nemmeno si avvicina a quella giallorossa come saldo negativo fra occasioni create e gol. I mitici expected goals, spesso usati per attaccare Mourinho, dicono che la Roma ha la miglior fase difensiva della Serie A ed i peggiori difensori c

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi