Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Il ritorno di Allegri© Juventus FC via Getty Images

Il ritorno di Allegri

La notte di Kostic, la difesa di Inzaghi, il derby di Sarri, gli esoneri premauturi e il modello Premier League. 

Stefano Olivari

7 novembre

  • Link copiato

Da quando Massimiliano Allegri è tornato ad allenare la Juventus, ormai un anno e mezzo fa, non aveva mai vissuto una partita come quella con l’Inter, vinta 2-0 nonostante le tante assenze importanti. Con lo spirito di squadra che era mancato in gran parte della seconda era Allegri, con i Fagioli e i Miretti imposti dalle circostanze, con un Kostic enorme e un Rabiot che è da esubero mancato è diventato forse il miglior bianconero di questa stagione. L’uscita dalla Champions e le vicende giudiziarie, senza contare la lotta fra Agnelli per il controllo di tutto ciò che è al di sopra della Juventus, hanno dato uno dei due risultati possibili in questi casi: il compattamento di uno spogliatoio che non ha più un nucleo storico (l’altro risultato possibile è lo sbrac

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi