Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Il futuro di Allegri© Juventus FC via Getty Images

Il futuro di Allegri

La Juventus dopo Chiellini, il meno 20% del calcio, cinque italiane in Champions League ed il ripescaggio di Mancini. 

Stefano Olivari

13 maggio

  • Link copiato

La Juventus chiuderà la stagione senza un trofeo, per la prima volta dal 2011-12, primo scudetto dei tre di Conte da allenatore bianconero. Dopo la finale di Coppa Italia persa contro l’Inter si può dire che il ritorno di Allegri sulla panchina che gli ha dato cinque scudetti è stato un fallimento, peraltro imputabile anche ad Agnelli (come del resto i successi) e ai suoi dirigenti. Un fallimento non certo per la mancanza di trofei, che ci può stare perché esistono anche gli avversari, ma per quella di un gioco e di un progetto oltre l’utilitarismo estremo: vincere (e nemmeno si è vinto) non è l'unica cosa che conta, nel 2022  il concetto è ancora più valido che nel 2012 o nel 2002. E tanto per stare sul concreto bisogna dire che la cattiva gestione dell’addio a

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi