Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

L'ultimo albergo del Napoli© LAPRESSE

L'ultimo albergo del Napoli

L'occasione di Spalletti, il processo a Immobile, le sconfitte in coda, i soldi di Commisso e la Serie C senza il Catania.

Stefano Olivari

11 aprile

  • Link copiato

Il relativo suicidio del Napoli, relativo per i meriti della Fiorentina e suicidio perché questa per Spalletti era la stagione da ora o mai più, quasi un ultimo treno per la sua carriera, ha emesso l’ennesima sentenza definitiva, super-definitiva, da smentire magari fra pochi giorni: e cioè che lo scudetto sembra un affare per Milan e Inter. La squadra di Pioli nella sua versione spenta ha pareggiato sul campo del Torino, che contro le grandi ha quasi sempre giocato bene, e quella di Inzaghi ha contro il Verona trovato una partita almeno come spirito degna dei mesi in cui volava. Il Napoli non è riuscito a sfruttare la forma di un Osimhen stellare, con i viola ha rivissuto l'incubo di 4 anni fa (lo scudetto di Sarri perso in albergo), e adesso si trova a dipende

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi