Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Il livello di Roma-Juventus© LAPRESSE

Il livello di Roma-Juventus

Il crollo di Mourinho, la Lazio poco sarriana, il Milan di Theo Hernandez, il momento di Insigne, il mistero Muriel e le regole che non sono regole. 

Stefano Olivari

10 gennaio

  • Link copiato

Roma-Juventus è stata uno spot a favore della Serie A o contro? Più la seconda cosa, vista la quantità incredibile di errori delle due squadre, che che nulla però toglie alle emozioni date dai ribaltamenti di una partita che la Roma stava dominando nel punteggio, sopra 3-1 e anche con un rigore non concesso per l’ennesimo fallo di mano di De Ligt, e nell’atteggiamento, prima Allegri buttasse in campo Morata e Arthur e cambiasse le cose. Un po’ per la inedita grinta con cui Morata è entrato e molto per la mollezza della difesa giallorossa: 3 gol juventini in 7 minuti e rimonta davvero da ricordare. Per la Juventus un’impresa che la tiene con vista sulla zona Champions e la farà andare mercoledì alla Supercoppa contro l’Inter con la certezza di avere tutti che rem

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi