Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Nations League, Italia-Spagna tre mesi dopo© Getty Images

Nations League, Italia-Spagna tre mesi dopo

La semifinale di Nations League arriva a breve distanza da quella di Euro 2020 in cui prevalsero ai rigori gli azzurri di Mancini. Con squadre che senza gli infortuni sarebbero state uguali...

Redazione

6 ottobre

  • Link copiato

Tre mesi dopo Wembley l’Italia-Spagna di San Siro è sempre una semifinale, ma il peso specifico della Nations League non è minimamente paragonabile a quello dell’Europeo. È comunque interessante vedere come sono cambiate le nazionali di Mancini e Luis Enrique, nella prospettiva di un Mondiale che, esauriti i festeggiamenti, ormai è davvero dietro l’angolo. Anzi, come non sono cambiate. Segno che che le convocazioni aperte a quasi tutti non devono ingannare, perché gli allenatori hanno le idee più chiare di quanto sembri.

Nations league: Sal De Riso nel ritiro azzurro

Nations league: Sal De Riso nel ritiro azzurro

Un’incursione tanto dolce quanto inaspettata quella del Maestro Pasticcere Sal De Riso, Presidente AMPI (Associazione Maestri Pasticceri Italiani), nel ritiro della Nazionale italiana alla vigilia della semifinale di Nations League contro la Spagna. Una sferzata di energia che dalla Costiera Amalfitana arriva direttamente a Milano, occasione propizia anche per degustare in anticipo “Sua Maestà Il Milanese”, il tradizionale panettone di Natale. 

Guarda la gallery

All’Europeo l’Italia giocò con Donnarumma in porta, Di Lorenzo, Bonucci, Chiellini ed Emerson Palmieri in difesa, Barella, Jorginho e Verratti a centrocampo, Chiesa, Immobile e Insigne in attacco. Poi nel corso della partita, che sarebbe stata vinta dagli azzurri ai rigori, Mancini si giocò tutte e sei le sostitzuoni possibili mettendo in campo Toloi, Acerbi, Bernardeschi, Locatelli, Berardi e Belotti. Quanto alla Spagna, come titolari presentò Simon in porta, Azpilicueta, Eric Garcia, Laporte e Jordi Alba in difesa, Koke, Busquets e Pedri a centrocampo, Oryarzabal, Dani Olmo e Ferran Torres in attacco. Nel corso della partita sarebbero poi entrati Pau Torres, Thiago Alcantara, Llorente, Rodri, Morata e Gerard Moreno.

Una partita che ricordano tutti, anche perché è stata l’unica di Euro 2020 in cui l’Italia è andata sotto sul piano del gioco, e che sarà interessante confrontare con quella di oggi. L’Italia titolare sarà esattamente la stessa per dieci undicesimi, con Lorenzo Pellegrini al posto dell’infortunato Immobile, anche se in poszione diversa visto che al centro dell’attacco andrà Insigne. Più cambiamenti nella Spagna, ma anche in questo caso tutti dettati dalle condizioni fisiche e dagli infortuni: Marcos Alonso sulla fascia sinistra della difesa, Merino al posto di Pedri a centrocampo e Fornais a quello di Dani Olmo in attacco. Insomma, due squadre quasi speculari e con una identità tattica molto chiara. Potrebbe tranquillamente essere la semifinale anche di Qatar 2022.

 

Condividi

  • Link copiato

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi