Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Il Vicenza di Paolo Rossi© COLLECTION JUVENTUS

Il Vicenza di Paolo Rossi

Addio al protagonista del Mondiale 1982, quasi un altro calciatore rispetto a quello che era emerso qualche anno prima in una provinciale che sfiorò il miracolo...

Stefano Olivari

10 dicembre 2020

  • Link copiato

La morte di Paolo Rossi è per tutto il pianeta quella della stella del Mondiale 1982, vinto dall'Italia di un Enzo Bearzot che dopo la squalifica per il calcioscommesse aveva creduto in lui anche contro l'evidenza. Un Rossi conosciuto e giustamente celebrato, ma come calciatore un po' diverso da quello che qualche anno prima aveva conquistato la Nazionale partendo da una realtà di provincia come il Vicenza di Giussy Farina, in Serie B, dove la Juventus lo aveva mandato in seguito alla brutta stagione passata in prestito al Como. Nel 1976 Farina lo prese in comproprietà, credeva in lui ma non al punto di pensare che avrebbe trascinato il Vicenza in A e che due anni dopo sarebbe stato protagonista al Mondiale argentino.

Ros

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi