Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Il ruolo di Luis Silvio

Il ruolo di Luis Silvio

Il 10 agosto di 40 anni fa arrivava in Italia, per giocare nella Pistoiese, il brasiliano destinato a diventare l'icona di un calcio in cui tutto sembrava una scoperta...

Stefano Olivari

9 agosto 2020

  • Link copiato

Luis Silvio Danuello è ingiustamente ricordato come lo straniero più scarso mai arrivato nel calcio italiano, ispiratore di aneddoti in parte falsi e un po' anche del personaggio di Aristoteles nel celeberrimo L’allenatore nel pallone, con Lino Banfi-Oronzo Canà. Eppure nei decenni successivi sarebbero arrivati centinaia di sconosciuti senza alcuna speranza di giocare, purissima carne da plusvalenza. Luis Silvio invece calciatore lo era veramente, visto che nell’estate del 1980 la neopromossa Pistoiese lo acquistò dal Ponte Preta (in realtà il cartellino era del Palmeiras) e che prima ancora il ventenne brasiliano aveva disputato qualche partita con il

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi