Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

Il rigore di De Rossi© Getty Images

Il rigore di De Rossi

Una vita nella Roma e nella Nazionale, con relativamente pochi trofei alzati. Ma di sicuro quello più importante, da protagonista in extremis...

Stefano Olivari

8 gennaio 2020

  • Link copiato

Daniele De Rossi lascia il calcio giocato a 36 anni e mezzo, dopo una vita nella Roma e 6 partite nel Boca Juniors. Ricordare la sua lunga carriera con la maglia giallorossa e quella azzurra è doveroso, ma nella storia del calcio, quella che entra nella cultura popolare anche dei non tifosi, si entra principalmente grazie al Mondiale. E non soltanto perché ha a livello di club alzato pochi trofei, in proporzione al valore delle squadre in cui ha giocato. Fra 200 anni De Rossi sarà ricordato soprattutto per essere stato un dei rigoristi del quarto titolo mondiale dell’Italia.

Un Mondiale, quello del 2006, che De Rossi avrebbe dovuto vivere da titolare. Nella prima partita del girone, il 12 giugno contro il Ghana

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi