Giornale di critica e di politica sportiva fondato nel 1912

La rivincita azzurra di Mancini© AFPS

La rivincita azzurra di Mancini

Il candidato principale alla panchina della Nazionale ha da giocatore di grande classe ricevuto dall'Italia quasi soltanto delusioni, con tre diversi commissari tecnici, in parte per colpa sua. Adesso però potrebbe riscrivere la storia... 

Stefano Olivari

1 maggio 2018

  • Link copiato

È molto difficile che la trattativa fra Roberto Mancini e la FIGC salti per questioni di soldi quando le parti si rivedranno, fra due settimane, al termine del campionato russo dove lo Zenit è quarto a tre punti dalla qualificazione diretta alla Champions (come seconda) e a due da quella ai playoff di agosto. Se diventerà commissario tecnico qualcun altro sarà perché Malagò, Fabbricini, Costacurta, eccetera, avranno cambiato idea (o magari avrà cambiato idea Conte, nemmeno lui lo sa) e non per scarso entusiasmo di un allenatore che ha un profilo e un mercato internazionali ma anche tante rivincite da prendersi in patria. E la principale è quella in azzurro. Dove da giocatore, probabilmente il migliore della sua generazione se valutato per quello che ha fatto a livello di club, raramente

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora

Commenti

Leggi Guerin Sportivo
su tutti i tuoi dispositivi