Calcio

I derby di Spalletti

© Inter via Getty Images

L'allenatore dell'Inter ha per ovvie ragioni una storia personale più lunga di Gattuso nelle sfide stracittadine viste dalla panchina. Fra Roma e Milano, l'unica tendenza chiara è che nei suoi derby si segna...

Milan-Inter è, fra le tante cose, anche la sfida fra Gennaro Gattuso e Luciano Spalletti. Ma se l’allenatore del Milan ha finora dalla panchina vissuto solo un derby e quindi non si può fare una statistica interessante (comunque vittoria 1-0 in Coppa Italia, nella partita persa 3-2 in campionato c’era ancora Montella), l’età e la carriera del tecnico dell’Inter permettono di individuare una tendenza in un tipo di partita in cui i valori sportivi passano a volte in secondo piano.

Spalletti ha vissuto da protagonista i derby di Roma e di Milano, mentre l’anno in cui guidò la Sampdoria il Genoa era in serie B, dove fu raggiunto proprio dalla Sampdoria che in quella stagione, quasi tutta vissuta con Spalletti (tranne un intermezzo con David Platt) alla guida, retrocesse. Nella capitale Spalletti ha invece affrontato la Lazio la bellezza di 13 volte. La prima il 23 ottobre 2005, in campionato, con avversario Delio Rossi: fu 1-1. Al ritorno invece la Roma vinse 2-0, gol di Rodrigo Taddei e Aquilani. La stagione seguente andò peggio: una sconfitta 3-0 e uno 0-0. Equilibrio nel 2007-2008: 3-2 per la Roma e 3-2 per la Lazio. Altra ‘spartizione’ la stagione seguente: 1-0 per la Roma e 4-2 per la Lazio. Il primo derby della sua seconda vita romanista andò bene, dall’altra parte non c’era più Delio Rossi e contro Pioli si vinse 4-1. E arriviamo così alla scorsa stagione, con la solita divisione della posta in campionato (2-0 per i giallorossi e 3-1 per la squadra di Simone Inzaghi) e l’aggiunta della doppia semifinale di Coppa Italia: 2-0 per la Lazio l’andata, 3-2 per la Roma il ritorno. Una statistica che Spalletti conosce bene è che in questi 13 derby Totti non ha mai segnato, anche se gli ultimi di fatto non li ha giocati.

I derby milanesi di Spaletti sono stati finora una vittoria in campionato, nella grande notte di Icardi, e una sconfitta nei quarti di Coppa Italia, quindi la statistica fra Roma e Milano dice questo: 7 vittorie, 2 pareggi, 6 sconfitte. 24 gol fatti e 24 subiti in 15 partite con una media totale, fra fatti e subiti, superiore all’over: segno che Spalletti prova sempre a giocarsela, magari se la gioca male ma raramente si fa ingabbiare dalla paura. Poi è lui il primo a sapere che, più di tanti numeri e di una carriera arrivata alla ventitreesima stagione, contano l’ultimo risultato e l’ultima impressione.